Un’isola pedonale? Partito il sondaggio online

Finora una quarantina (su 70) i favorevoli al traffico limitato. La zona scelta riguarda piazza Garibaldi e via Cesare Battisti

CODROIPO. La domanda è secca: Codroipo vuoi l’isola pedonale? Parte dai cittadini del capoluogo del Medio Friuli il dibattito per istituire o meno una zona a traffico limitato in centro città o una vera zona off limits alle macchine. E parte con un sondaggio creato online dal nuovo sito internet Vivi Codroipo.com, sito ideato per passione da Gabriele Gobbo per spirito di partecipazione civica attraverso il quale si cerca di dare un servizio utile alla comunità facendo conoscere notizie e iniziative anche di piccole dimensioni ai cittadini codroipesi.

Una novità, insomma. Al momento una settantina coloro che vi hanno partecipato. Di questi, una quarantina si è detta favorevole a una zona a traffico limitato. La maggior parte la creerebbe nella zona che comprende la piazza Garibaldi con la strada fronte municipio, la restante nell’area che comprende sempre piazza Garibaldi e via Cesare Battisti. Permane, al momento, ancora uno zoccolo duro dei no. Quel che conta, comunque, è che si è iniziato a creare un dibattito e un confronto.

Ovviamente, come si spiega nella presentazione del sondaggio, «qui non discuteremo delle soluzioni tecniche come ad esempio in base ad orari o a tipologie di mezzi, ma più in generale vi chiediamo se siete d’accordo o meno a qualche tipologia di limitazione per scoprire cosa ne pensate». Per ora non c’è nessuna proposta ufficiale da parte delle istituzioni per limitare il traffico. I cittadini, attraverso questo sondaggio, hanno voluto così affrontare la questione.

Il tema della viabilità e dei punti più critici del traffico codroipese era già stato affrontato anche dal Centro di iniziative codroipesi durante uno dei suoi numerosi incontri organizzati con la cittadinanza. Un tema, dunque, che è sicuramente molto sentito.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi