In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

E' elettrosensibile, la vita al buio di Giulia

Niente tv, cellulari, frigo, vive sotto una tenda schermata. «Non posso uscire di casa e spesso stacco anche il contatore»

2 minuti di lettura

UDINE. Niente cellulare. Niente televisione o radio. Niente microonde e neppure frigorifero. La lista dei “no” per un elettrosensibile è lunghissima. E si scontra con una società che non può fare a meno di tutto questo.

Ecco perché «se le onde elettromagnetiche ti fanno stare male, l’unica soluzione è isolarsi dal mondo», racconta Giulia, nome di fantasia per una donna friulana di 43 anni costretta insieme con il marito a rifugiarsi in montagna pur di trovare un po’ di respiro da quella malattia diagnosticata nel 2010.

Tutto comincia il 6 marzo di quell’anno. «Il suo corpo ha un tracollo che si manifesta con una chiara sensazione di corrente elettrica diffusa da testa a piedi, tachicardia e la sensazione di morire – racconta oggi il marito di Giulia, che chiameremo Andrea –. Intuendo che la causa del suo malessere fosse legata all’ambiente in cui vivevamo, all’alba del 7 marzo siamo scappati dalla casa che avevamo appena comprato. Soltanto con una valigia. Nei giorni seguenti le condizioni di Giulia sono leggermente migliorate, ma non riusciva a stare in piedi: aveva una fortissima emicrania e persisteva la sensazione di elettricità unita a un senso di congestione, bruciore in tutto il corpo. Il medico che avevamo non sapeva come occuparsene, ci ha solo prescritto alcuni esami».

Nel 2010 Giulia e Andrea non sanno neppure cosa siano le malattie ambientali. Giulia usa ancora il cellulare. Ma Andrea, sulla base dei sintomi, si impegna in una ricerca on line e risale alla dottoressa Anna Zucchero, medico dell’Ospedale dell’Angelo a Mestre e presidente della Associazione italiana elettrosensibili.

Dopo una settantina di esami, è proprio la dottoressa Zucchero a diagnosticare l’elettrosensibilità a Giulia, condizione peggiorata dalla contemporanea chemiosensibilità.

«Un’associazione che affligge spesso gli elettrosensibili – precisa Andrea –. Si tratta dell’allergia ai composti chimici presenti in alcune sostanze e materiali comuni, tra cui detersivi, profumi, deodoranti, inchiostri, muffe, insetticidi, vernici e molto altro». Entrambe patologie che, se non trattate, possono portare alle malattie degenerative del sistema nervoso e al cancro.

Da quel momento Giulia è costretta per due anni di fila a vivere sotto una tenda schermante. Prima un metro per un metro, poi fino alle dimensioni di un letto a baldacchino. Nel frattempo la coppia cerca una nuova casa, lontana da campi elettromagnetici.

«Ho misurato qualsiasi abitazione avesse un cartello vendesi o affittasi – racconta Andrea –. Nell’arco di un anno e mezzo ne ho viste almeno un centinaio, in tutto il Friuli, in Veneto, in Slovenia e Austria. Ovunque i valori erano troppo alti».

Finalmente in Carnia la soluzione, anche grazie all’unico vicino di casa che ha rinunciato alla connessione senza fili. Ma Giulia – che era soprannominata “trottola” per la sua voglia di vivere – a causa della sua malattia ha dovuto abbandonare il lavoro. Le condizioni economiche della coppia peggiorano anche a causa della fretta di cambiare casa e delle cure. Persino la tenda schermante ha un costo molto elevato.

«A causa della mia condizione di salute – spiega Giulia – a casa nostra non possiamo tenere né il frigorifero, né la televisione o la radio, né computer, né qualsiasi altra apparecchiatura tecnologica e dobbiamo staccare il contatore della luce per la maggior parte della giornata per evitare qualsiasi disagio legato alla corrente elettrica, tenendolo acceso solo quando è strettamente necessario. Sono inoltre affetta da un’intossicazione da metalli pesanti, accertata recentemente e ho bisogno di praticare la chelazione dei metalli e fare esami, visite specialistiche e terapie particolari, ma non abbiamo i soldi per pagarle. La mia malattia mi costringe a non uscire di casa: abbiamo pertanto la necessità che il tutto si svolga a domicilio».

E ancora: «Sarebbe auspicabile attivare una rete di medici specialisti che diano la disponibilità di visite ed esami a domicilio. Se, poi, negli ospedali ci fosse una corsia preferenziale – auspica Giulia –, queste persone potrebbero essere accolte e si potrebbero applicare i protocolli necessari per la loro salvaguardia».

Giulia ha da sempre un desiderio: «Poter lavorare, magari sporadicamente, quando i sintomi lo permettono. Sono stata una professionista al servizio degli altri. Oggi però sono io ad avere bisogno di aiuto». Chi volesse contattare Giulia e Andrea, lo può fare scrivendo a amalavita@email.it.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori