In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Nimis, e ora arrivederci a Lannach nel 2015

Festeggiati i 25 anni del gemellaggio con la località stiriana nato nel ricordo dello scultore Rodolfo Zilli

1 minuto di lettura

NIMIS. C’erano praticamente tutti, domenica, a Nimis, sul prato delle Pianelle, mentre si animava la “Sagre des campanelis”, a festeggiare i 25 anni dal gemellaggio tra la località pedemontana e l’austriaca Lannach.

Dopo la messa celebrata nel santuario da monsignor Rizieri De Tina, si sono infatti ritrovati nel parco il sindaco Walter Tosolini, i suoi predecessori Danilo Gervasi, Renato Picogna, Giuseppe Longo, Germana Comelli e Giovanni Mattiuzza. Della civica amministrazione anche Domenico Comelli, Vinicio Cuciz e Ivana Di Betta. Da Lannach c’era invece, accompagnato da un altro rappresentante del Comune e da alcuni concittadini, il borgomastro Josef Niggas che ha dato appuntamento per giugno 2015 nella località stiriana per rimarcare la valenza dell’anniversario. Tra i cittadini di Nimis, c’era Bruno Fabretti, da sempre sostenitore del gemellaggio. Ne mancava invece l’“anima”, il dottor Rodolfo Zilli, scomparso a 84 anni, nel 2010, a Graz, dopo una lunga malattia. Era figlio dello scultore che portava il suo stesso nome. L’artista era partito giovanissimo da Nimis, seguendo il padre scalpellino. Ebbe modo di viaggiare molto e, dopo un periodo trascorso a Parigi, si stabilì a Graz e lavorò nella vicina Lannach: nel castello aveva infatti il suo laboratorio. Molte opere si conservano nella vicina Stainz, mentre a Lannach Zilli (dove anche riposa assieme ai suoi familiari) aveva realizzato anche diversi busti celebrativi: tra questi, quello che ritrae il cardinale Ildebrando Antoniutti pure originario di Nimis, di cui una copia di quello conservato nell’antica pieve proprio dieci anni fa è stata scoperta a Roma nella basilica di San Sebastiano.

Tornando al gemellaggio, va ricordato che il patto fu sottoscritto nel 1989 a Nimis dall’allora sindaco Germana Comelli e dal viceborgomastro Helmut Kormann e riconfermato l’anno seguente dal successore Giuseppe Longo e dal borgomastro Max Rock, durante una cerimonia che trovò spazio proprio nel castello di Lannach. Il loro predecessore Giovanni Mattiuzza aveva invece posto del basi di questo proficuo legame, fortemente voluto dall’indimenticato Rodolfo Zilli junior, nello spirito dell’unione e cooperazione tra i popoli europei.

Mariarosa Rigotti

I commenti dei lettori