In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Il mondo dell’atletica in rivolta: no ad altri sport nel Palaindoor

Vecchiato, il tecnico della polisportiva Malignani, lancia l’allarme: così si declassa a palestra Ma l’assessore Basana insiste: trattandosi di una struttura costosa ha senso che sia utilizzata da tutti

2 minuti di lettura

Il mondo dell’atletica è in rivolta. Non accetta di avere tra le vie Torino e del Maglio un impianto dedicato, unico nel suo genere in regione, come il palaindoor, e di non poterlo utilizzare a tempo pieno perché troppo spesso viene utilizzato per garantire altre pratiche sportive. «Nel bel mezzo delle competizione nazionali ed europee e stato assegnato alla pallacanestro e alla scherma. Il Comune sta declassando il palaindoor, vuole trasformarlo in una palestra» tuona il veterano olimpico, Mario Vecchiato, in qualità di tecnico della polisportiva Malignani, la società che fino al 31 dicembre gestirà l’impianto e che a ogni olimpiade vede scendere in pista uno dei suoi atleti. «Se continueranno a creare questi problemi consegneremo le chiavi al sindaco» insiste Vecchiato, mentre l’assessore allo Sport, Raffaella Basana, conferma: «Nel prossimo bando di gestione saranno favorite le progettazioni che prevedono altre attività quando il calendario dell’atletica lo consente».

Questo è il punto. L’amministrazione di palazzo D’Aronco sta predisponendo il bando di gara per l’affidamento della gestione triennale. «Un bando - spiega sempre l’assessore - che pur mantenendo la vocazione primaria del palaindoor non può escludere l’utilizzo polifunzionale dell’impianto». Ed è proprio l’utilizzo polifunzionale a preoccupare Vecchiato che senza esitazioni passa all’attacco: «Tutto il mondo dell’atletica udinese è preoccupato perché, ma questo è solo un esempio, nell’ultimo anno per due mesi l’impianto è stato utilizzato solo dalla pallacanestro e per altre tre, quattro settimane solo dalla scherma». In questi periodi, l’atletica leggera impegnata nei campionati italiani ed europei, ha subìto più di qualche disagio.

«Abbiamo gare tutto l’anno, ma nonostante ciò nel 2013 l’impianto è rimasto chiuso un mese proprio quando avevamo i campionati indoor di Ancona e i campionati italiani dei lanci lunghi» insiste Vecchiato dall’alto della sua esperienza non senza bocciare questo modello di gestione. «Anche in quell’occasione abbiamo dovuto arrangiarci senza poter allenarci in modo ottimale» aggiunge il tecnico prima di ribadire: «Nell’unico impianto indoor della regione si allena chi non pratica l’atletica leggera». E ancora: «Stiamo parlando di un impianto eccezionale, realizzato sette, otto anni fa, ma da allora non è mai stato messo un chiodo».

Inutile dire che siamo di fronte a un vero e proprio braccio di ferro tra il Comune e il mondo dell’atletica sulla gestione del polo di atletica leggera. E se la polisportiva Malignani batte i pugni sul tavolo, l’assessore non è da meno. «La nostra linea resta quella di lavorare compatibilmente con il calendario dell’atletica perché il bando prevede l’utilizzo polifunzionale dell’impianto» ribadisce Basana nel far notare che Udine non può permettersi di mantenere un impianto costoso come il palaindoor a uso esclusivo dell’atletica leggera. Allo stesso modo, l’assessore ricorda che il Comune mette a disposizione del palaindoor e del campo esterno Dal Dan un contributo di circa 130 mila euro all’anno.

Il palaindoor è stato inaugurato nel 2007 dalla campionessa olimpica di salto in alto, Sara Simeoni. Con il Dal Dan forma il polo atletico udinese. Voluto dall’allora assessore allo Sport, Faustino Anzil, per dare una risposta agli oltre 500 atleti che militano nelle associazioni udinesi e che sollecitavano la sua costruzione dal 1996, l’impianto è costato cinque milioni di euro.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori