In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Cane ferito, allarme giustizia fai-da-te

I carabinieri sono preoccupati dalle minacce all’aggressore di Booboo, colpito con la fiocina. L’appello: abbassare i toni

2 minuti di lettura

UDINE. Non si placa la rabbia del web nei confronti del professionista udinese di 61 anni che nella giornata di Santo Stefano, esasperato - così almeno ha riferito ai carabinieri - dal continuo abbaiare del cane del vicino di gli ha sparato con un fucile da sub conficcandogli una fiocina in testa.

Un gesto che ha sollevato un coro di indignazione che in alcuni casi è anche degenerato in una serie di minacce più o meno velate nei confronti del “fiocinatore folle”. Tanto che gli investigatori sono preoccupati che qualcuno possa realmente decidere di farsi giustizia da sé.

Anche per questo motivo non è stato reso noto il nome dell’uomo (ma in molti sul web si sono dati da fare per cercare comunque di individuarlo) che peraltro è stato denunciato a piede libero e dovrà comunque rispondere del suo gesto di fronte alla legge.

Che in questo caso parla chiaro: l’articolo 544-ter del codice penale stabilisce che «chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagioni una lesione a un animale ovvero lo sottoponga a sevizie o a comportamenti o fatiche o a lavori insopportabili per le sue caratteristiche etologiche è punito con la reclusione da 3 mesi a 18 mesi o con la multa da 5 mila a 30 mila euro».

La stessa pena si applica anche a chiunque somministri agli animali sostanze stupefacenti o vietate ovvero li sottoponga a trattamenti che procurano un danno alla salute degli stessi. E la pena è aumentata della metà se viene provocata la morte dell’animale.

In questo caso però Booboo è sopravvissuto e nonostante le gravi ferite si sta riprendendo. Dalla caserma dei carabinieri arriva comunque un invito ad abbassare i toni. Come ha scritto anche qualcuno sul web: «Il fiocinatore non è giustificabile, ma spetta alle forze dell’ordine fare giustizia altrimenti ci si mette al suo stesso livello».

Dello stesso avviso anche il proprietario del cane, Andrea Cavazzin: «Booboo sta meglio e quella è la cosa più importante - dice -. Ho letto anche io molti messaggi minacciosi, ma invito tutti ad avere fiducia nella giustizia che farà il suo corso. Per quanto ci riguarda abbiamo ricevuto molti messaggi di solidarietà dai vicini, dagli amici e anche da persone che non conoscevamo».

Nessuna scusa però. «No - conferma Andrea - scuse non ne abbiamo ricevute, ma come ha detto la mia compagna Elisa la cosa migliore da fare forse è ritrovarsi tutti insieme per fare un’abbaiata generale di solidarietà».

Intanto le indagini proseguono ed è probabile che il fiocinatore di viale Venezia dovrà rispondere anche della precedente aggressione a Booboo. Non è la prima volta infatti che il pastore abruzzese viene preso di mira.

A febbraio il cane era stato ferito a una zampa, colpito da una fiocina di circa 50 centimetri mentre si trovava nel giardino della villetta dove i suoi proprietari stavano cenando.

Quell’assalto, avvenuto intorno alle 22, era rimasto senza colpevole, ma il fucile recuperato dai carabinieri sembra compatibile con la fiocina utilizzata in quella circostanza e del tutto analoga a quella sparata a Santo Stefano.

Ecco perché è possibile che il professionista dovrà rispondere di due aggressioni e quasi sicuramente i proprietari gli chiederanno un risarcimento danni: «Se non altro - conclude Andrea - per recuperare le spese veterinarie sostenute».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori