In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Fvg, Roma declassa quattro ospedali

Il ministero: Gemona, Cividale, Maniago e Sacile non sono più tali. «Hanno mantenuto solo un ruolo territoriale, si rischiano equivoci»

2 minuti di lettura

UDINE. Non sono presidi ospedalieri. Non per il capo dell’ufficio legislativo del ministero della Salute, Maurizio Borgo, che declassa Cividale, Gemona, Sacile e Maniago, i quattro presidi ospedalieri disegnati nella riforma della sanità. Sarebbe opportuno cambiassero nome, scrive Borgo, per non creare equivoci.

L’ufficio legislativo romano ha passato ai raggi X la “rivoluzione” sanitaria varata a ottobre dal Consiglio regionale, ideata dalla presidente Debora Serracchiani e dall’assessore Maria Sandra Telesca. E ha scritto alla presidenza del Consiglio dei ministri, dipartimento per gli Affari regionali. La legge non è stata impugnata, tanto che l’alto funzionario sottolinea che il Ministero non ha rilievi da formulare. Ma alcuni avvertimenti sì, sono contenuti nel documento.

Nella riforma del centrosinistra è previsto che gli ospedali di Gemona, Cividale, Maniago e Sacile siano riqualificati. Tutti perderanno gli attuali posti letto per acuti e per day hospital, le degenze nel reparto Medicina e il Pronto soccorso sull’intera giornata. Ma tutti avranno otto posti letto per acuti gestiti dai medici di famiglia, che significa “ospedale di comunità” , 20 per post-acuti e 30 per Rsa. Non solo. Gemona, Cividale e Maniago troveranno anche quattro posti per l’hospice. Tutti manterranno la chirurgia ambulatoriale e avranno un punto di primo soccorso per 12 ore, come accade già a Sacile e Maniago.

Le strutture di Cividale, Gemona, Sacile e Maniago sono quindi i quattro ospedali riqualificati e chiamati appunto presidi ospedalieri per la salute. «A tal riguardo si evidenzia che, come osservato nelle riunioni di coordinamento tenutesi nello scrivente Ministero – è l’analisi di Borgo –, tale denominazione potrebbe creare equivoci, in quanto la struttura in questione ha finalità territoriale. Sarebbe pertanto più opportuno utilizzare una denominazione che non preveda il termine “ospedalieri”», sostiene Borgo.

Nella riforma i tre ospedali di riferimenti – gli hub – restano il Santa Maria della Misericordia di Udine, il Santa Maria degli Angeli di Pordenone e il Cattinara di Trieste. L’ospedale di Udine accorperà quello di Cividale, stessa cosa accadrà per Pordenone con Sacile, mentre una più stretta collaborazione dovrà diventare reale tra gli ospedali di Tolmezzo e San Daniele, tra Palmanova e Latisana e tra Gorizia e Monfalcone.

Nel documento il capo dell’ufficio legislativo formula una serie di consigli anche sul direttore di dipartimento di prevenzione, sulla nomina del direttore di distretto e sulle funzioni del dipartimento di prevenzione. La riforma della sanità prevede che il direttore del dipartimento di prevenzione venga scelto dal direttore generale dell’azienda, cui risponde. Roma suggerisce che tra i requisiti per la nomina sia inserita anche l’anzianità di funzione di almeno cinque anni.

Sul direttore di distretto, invece, Borgo interpreta la norma del Fvg e ritiene che il ruolo possa essere assegnato esclusivamente a un dirigente dell’azienda, ancorchè esterno. Il capo dell’ufficio legislativo del ministero della Salute elenca infine le funzioni e le strutture organizzative dei dipartimenti di prevenzione.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori