In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

E il deputato si difende: "Non sono come Scilipoti"

Il leader dei dissidenti: ho un lavoro, non ho bisogno della politica per mangiare. "Beppe? L’ho sentito l’ultima volta sei mesi fa, il movimento è privo di democrazia"

3 minuti di lettura

UDINE. Nervi a fior di pelle in casa grillina. L’ultima emorragia di parlamentari, tra cui il friulano Walter Rizzetto e il triestino Aris Prodani, ha provocato una valanga. Risentimenti e rancori, pesci in faccia e insulti sui social e, drammaticamente, ieri sera davanti al Nazareno. E una promessa di Rizzetto: «Io non sono nè Razzi, nè Scilipoti - dice -. Non mi sono venduto. Se chi lo sostiene non porta subito le prove, lo querelo. Non ho bisogno della politica per mangiare. Prima di essere eletto avevo un lavoro che mi consentiva guadagni ben superiori a quelli di un deputato».

Onorevole Rizzetto, il suo addio ha fatto rumore. Qual è la goccia che ha fatto traboccare il vaso?

«Non è stato un fulmine a ciel sereno. Era da un po’ che dimostravamo un certo tipo di insofferenza. Ho scritto tre o quattro volte a Beppe Grillo, per cercare di risolvere i problemi. Non ho avuto alcuna risposta, neanche una telefonata. Ultimamente mi hanno fatto arrabbiare un po’ di cose: la non presentazione di un paio di emendamenti di Prodani sul porto di Trieste, le accuse nei miei confronti per un’apparizione televisiva in un programma di La7 e la mancata indizione delle Quirinarie sul blog per la scelta, da parte degli attivisti, del “nostro” presidente della Repubblica, come era avvenuto due anni fa».

Dove andrete adesso? Vi indicano già come traditori, pronti a fare da stampella al Governo Renzi.

«Ci iscriveremo al Gruppo Misto, non faremo alcuna alleanza con il Pd. Anzi continueremo l’opposizione a questo Governo che abbiamo sempre contestato».

Però vi siete presentati al faccia a faccia con il Premier per discutere del Quirinale.

«Siamo andati a fare quello che il M5s avrebbe dovuto fare per rispetto degli elettori. Ascoltiamo quello che ci dicono, nella massima trasparenza. Abbiamo chiesto che l’incontro venga trasmesso in streaming. A mio avviso bisognava mettere i nomi on line e farli votare, come accadde con Rodotà, Prodi, la Gabanelli. Dov’è finito lo spirito originario del Movimento?».

Quando ha parlato con Grillo l’ultima volta?

«A luglio 2014. Gli avevo chiesto dei suggerimenti, gli avevo dato dei pareri sul Jobs Act e sulla legge elettorale. Ma nulla fu pubblicizzato sul blog, invece noi dobbiamo far decidere la rete. Pensi che mi hanno impedito di dare visibilità alla mia mozione sulle pensioni d’oro. E sa cosa mi hanno risposto quelli del cerchio magico? L’hai fatto tu, per quello viene accantonata. Ero stufo di vivere da separato in casa».

Lei è il personaggio del momento, nel bene e nel male. In tanti la criticano sui social, sui blog.

«Capisco la rabbia dei militanti. Sono io che li ho delusi. Ma rimando al mittente le accuse di essermene andato per i soldi. Io ho un lavoro che rende bene, non ho bisogno della politica per mangiare. Io e Prodani non abbiamo fatto nulla contro il Movimento, le nostre erano critiche costruttive che servivano ad ampliare la democrazia diretta. In quasi due anni in Aula ho votato solo una dozzina di volte su singoli emendamenti contro la linea del partito, mai su temi importanti».

Qualcun altro afferma che vi eravate stufati di versare le quote mensili al Movimento...

«Abbiamo sempre versato, anche più del dovuto. Tra io e Prodani circa 130 mila euro da quando siamo stati eletti. Sul sito tirendiconto.it c’erano tutti i nostri rendiconti, ma mi hanno appena comunicato che io e Prodani siamo già stati cancellati dal sito. Adesso comunque continueremo a restituire i soldi in più, basterà un controllo. In compenso non ho visto alcun bonifico da parte degli eurodeputati...».

Fatto sta che adesso il Friuli Venezia Giulia non ha rappresentanti grillini in Parlamento. Eravate in tre...

«E’ vero, prima di noi aveva già fatto le valigie il senatore Battista. Ma continueremo a occuparci con impegno e passione della nostra terra, ci mancherebbe altro. Tra pochi giorni presenterò una mozione sulle zone franche di confine, non stiamo con le mani in mano. Ripeto, se dovessi godermi la vita, tornerei a casa mia».

Infatti i duri e puri vi intimano di dimettervi...

«Ma ci sono anche tanti militanti che ci spronano ad andare avanti. Non siamo noi che abbiamo cambiato idea, è il gruppo parlamentare che non funziona».

In Fvg hanno firmato un documento durissimo nei vostri confronti. Preoccupati?

«L’ho appena letto. Non mi preoccupa perchè in calce, tra i sottoscrittori, manca almeno una dozzina di portavoce storici del M5s. E non c’è nemmeno la consigliera regionale Dal Zovo. Il Movimento è spaccato anche in regione. Mi dispiace per loro, ma questa è la realtà».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori