In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

L’ultimo tributo all’architetto Ferruccio Montanari

Il parroco don Como: ci ritroviamo a dire addio a un artista che ha dato tanto alla sua città. Nella chiesa di San Quirino una folla che ha salutato con un applauso l’uscita del feretro

2 minuti di lettura

UDINE. «Una vita profumata di bontà e onestà». Queste le parole che don Claudio Como ha dedicato a Ferruccio Montanari a chiusura della cerimonia funebre che si è svolta ieri mattina nella chiesa di San Quirino in via Gemona, per l’ultimo saluto al geniale architetto friulano, morto martedì notte.

Parole intrise di stima e tenerezza, che hanno accompagnato l’intero rito condotto da don Como con una viva partecipazione per un lutto che ha colpito e commosso l’intera comunità udinese.

«Dopo aver salutato Darmo Brusini – ha commentato il curato udinese durante il funerale - ci ritroviamo in questa chiesa, che apre le sue navate come una mamma allarga le sue braccia per accogliere i propri figli, a dire addio a un altro grande artista che ha dato tanto alla sua città».

La chiesa, infatti, era gremita. La cultura e l’imprenditoria friulana hanno presenziato con una folta rappresentanza, dalla curatrice del Museo d’Arte moderna e contemporanea Casa Cavazzini Vania Gransinigh, agli amministratori della Moroso, azienda con la quale Montanari ha collaborato a lungo, passando per esponenti della musica e i tanti, giovani e meno giovani, estimatori del suo immenso lavoro di architetto e designer.

Una chiesa gremita ma che, grazie alla sua forma così accogliente e ampia e alle sue grandi vetrate colorate, ha regalato ai presenti un respiro leggero in contrasto con la fitta pioggia scesa ieri mattina e, soprattutto, con il grande senso di perdita per la morte di Montanari.

«Io non sono certo un critico d’arte – ha proseguito don Como - e qui ce ne sono parecchi che potrebbero meglio di me descrivere le opere e le collaborazioni di Ferruccio. Io vorrei quindi ricordare le sue straordinarie doti umane, ricordare cioè come sia stato una persona in grado di mettere l’essere e la sostanza prima dell’apparenza, scoprendo il segreto per rendere più bello il mondo».

Il senso del bello, dunque, come lotta alla pigrizia e alla massificazione delle passioni. Concetti forse poco teologici, ma densi di significato specialmente se espressi proprio dal pulpito di una chiesa.

«La gentilezza, la riservatezza, la modestia e la nobiltà d’animo. Sembrano “cose da museo”, invece sono le qualità che hanno accompagnato Ferruccio in tutto l’arco della sua vita personale e professionale».

Don Como si riferisce non soltanto alle testimonianze offerte dai familiari, prime tra tutti la compagna di una vita Patrizia Novajra e la figlia Antonia, strette in un abbraccio di fronte alla bara di legno chiaro adornata di rose rosse, ma anche a quelle dei tanti colleghi che hanno avuto la fortuna di percorrere parte del loro cammino lavorativo al fianco di un personaggio curioso, appassionato e fantasioso come Montanari.

Un cammino interrotto più di un anno fa, quando un ictus ha chiuso gli occhi del designer, lasciano ai familiari e amici solo la speranza – cessata martedì notte - che un giorno si potessero riaprire.

«Ferruccio ha provato anche il tunnel della malattia – ha concluso don Como - e chissà cosa avrà pensato, cosa avrà disegnato in questo lungo periodo nella sua mente. Io penso che avrà sicuramente trovato il bello anche in quei momenti e che ora, il Signore, gli farà fare un bel disegno di pubblicità al paradiso, chiedendogli di raffigurargli un mondo pieno di giustizia e amore».

Un pensiero forte, coccolato dalle parole dell’editore Luca Sossella, che ha voluto testimoniare la sua profonda amicizia con Montanari, con cui ha condiviso molti progetti lavorativi.

«Mi piace ricordare Ferruccio quando diceva che «si può fare tutto con il niente» – ha detto con voce rotta dalla commozione l’editore bolognese - perché lui era davvero in grado di dar vita ad ogni segno, era in grado di dare senso all’indefinito».

Un applauso spontaneo, scaturito per le parole commosse di chi ha voluto con amore ricordare Montanari, ha infine preceduto il silenzio pieno di emozione che ha accompagnato il feretro, accarezzato da innumerevoli mani amiche, fuori dalla chiesa, per il suo ultimo viaggio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori