In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Suonano le campane, l’anima del Friuli contadino

Protagoniste in castello a rappresentare la storia e la tradizione della nostra terra

1 minuto di lettura

LICEO CLASSICO EUROPEO. Se l'anima dell'Italia è indiscutibilmente la pizza, le campane possono tranquillamente essere definite quella del Friuli. Una terra, quella friulana, che racchiude in se' una molteplicità di aspetti culturali che la contraddistinguono ovunque nel Mondo, partendo dal buon vino e dall'ottima cucina per giungere fino ad una mentalità laboriosa e onestà unica nel suo genere.

Ma i Sacri Bronzi rimangono in ogni caso un cardine della storia e della tradizione delle terre tra le Alpi e l'Adriatico, una peculiarità legata non solo alla vita religiosa ma soprattutto a quella civiltà contadina che ormai è perita sotto i colpi della modernità.

E salvaguardare la memoria campanaria friulana significa mantenere nei nostri cuori e nelle nostre anime quel "ruspido contadino" che rappresenta i nostri avi, le radici più profonde di noi stessi.

Chi ha visitato tra il 30 gennaio ed il 3 febbraio il parco del castello di Udine si sarà sicuramente accorto di un particolare un po' inusuale: un castello di tre campane "montate" secondo la tradizione dello "slancio friulano" (il metodo di suonata che contraddistingue le nostre terre) poste davanti all'edificio storico.

Hanno suonato per ricordare agli abitanti del capoluogo friulano quanto sia importante mantenere vivi quei gesti che paiono anacronistici ma che tali non sono affatto. Opera meritevole è soprattutto la mostra "Udine, città di campane", allestita nella Casa della Confraternita dello stesso castello.

Realizzata dall'associazione "Scampanotadôrs Furlans - Gino Ermacora" con sede a Zuglio Carnico, ha raccontato delle principali fonderie di campane presenti nella città di Udine e ha descritto tutti i concerti bronzei presenti nella stessa con un itinerario fotografico interessante e comprensibile anche dai meno "esperti" in materia. La mostra è stata magistralmente inaugurata da concerti di campane sui principali campanili del centro storico e dal maestoso concerto in Sol2 del Duomo (che è stato il principale protagonista delle "scampanottate" del 30 gennaio) mentre i bronzi del duomo hanno segnato la giornata di chiusura, dedicata a San Biagio, il 3 febbraio.

I commenti dei lettori