In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Ricorso anti Unioni, aumenta la fronda tra i Comuni friulani

Secondo i promotori le adesioni sarebbero già quaranta. Nella lista anche le amministrazioni di Codroipo e Gemona

1 minuto di lettura

UDINE. La chiamata alle armi inizia a dare i suoi frutti. La trincea a farsi affollata. Quaranta e oltre sono i Comuni del Friuli Venezia Giulia pronti a impugnare tutti gli atti e i provvedimenti attuativi della riforma degli enti locali licenziata dal Consiglio regionale poche settimane fa. Una ventina hanno già approvato in giunta la delibera d’impugnazione, altrettanti sono in procinto di farlo.

Tradotto: il 20% dei Comuni regionali si prepara a resistere con tutti i mezzi alla legge 26 ravvisando in essa svariati profili d’incostituzionalità. In vista del 23 marzo, dead line che i sindaci si sono dati per deliberare sul ricorso al Tar, che sarà presentato entro il 10 aprile, oggi pomeriggio si svolgerà un incontro - alle 19 nella sala Caduti di Nassiryia a Martignacco - voluto dai promotori del ricorso, i primi cittadini Renato Carlantoni (Tarvisio), Pier Mauro Zanin (Talmassons) e Pierluigi Molinaro (Forgaria). I tre hanno chiamato a raccolta i colleghi per fare strategia e determinare - assieme all’avvocato Teresa Billiani del foro di Trieste - il modus operandi che i ricorrenti dovranno adottare da qui in avanti.

Sarà l’occasione per fare la conta, per capire chi, dopo l’affollata riunione ospitata ormai un mese fa in Provincia a Udine, abbia deciso di andare avanti. Alcune certezze ci sono già. Accanto ai Comuni di Tarvisio, Talmassons e Forgaria figurano infatti senza dubbio quelli di Codroipo, Gemona e Fogliano Redipuglia. Sugli altri protagonisti della rivolta il velo si potrà alzare oggi pomeriggio.

Zanin parla di una “squadra” trasversale agli schieramenti politici, «per lo più - afferma - si tratta di amministrazioni elette con liste civiche, pochissimi sono i soggetti con tessere di partito in tasca». «Quel che sta emergendo - prosegue - è che la legge è ormai fuori controllo. Ricorso a parte, sono molte le voci di dissenso che si sono levate nel corso delle ultime settimane, non da ultimo da parte della chiesa. Nei Comuni c’è la più grande confusione, tra chi propone unioni di dimensione inferiore alle possibilità date dalla norma, chi superiore, chi chiede di spostarsi da un’Uti a un’altra».

Chi ancora, vedi Osoppo, sta valutando il ricorso al referendum perché sia la popolazione a decidere il futuro del proprio paese. «Da parte degli amministratori c’è una forte presa di coscienza rispetto agli effetti deleteri che la norma produrrà, ricordo solo l’impossibilità di decidere autonomamente sui tributi locali, e la decisione di ricorrere al Tar è figlia unicamente della necessità di tutelare le proprie comunità e non, sfatiamo questo mito una volta per tutte, di appartenenze politiche».

I commenti dei lettori