In trappola nella casa invasa dal fumo: guardia giurata salva un anziano

Dramma sfiorato l’altra notte in una abitazione del borgo di Persereano. Provvidenziale l’allarme dato dall’agente durante il giro notturno. Intervento dei vigili del fuoco

PAVIA DI UDINE. Dramma sfiorato nella notte tra martedì e mercoledì. Un anziano rischia di soffocare nel sonno a causa delle esalazioni di fumo provenienti dal camino della sua abitazione, ma l’intervento di una guardia giurata gli salva la vita.

Erano passate da poco le 2 del mattino. Un agente dell’istituto di vigilanza Cds srl, con sede a Lovaria, stava percorrendo il suo tragitto per l’ordinario controllo di abitazioni e altre strutture di clienti della società di sicurezza.

Attraversato il capoluogo e diretto verso sud, all’altezza del borgo di Persereano, in via Mazzini, l’agente ha notato una fitta coltre di fumo nero fuoriuscire dal camino di una casa. L’ora molto tarda e soprattutto un fumo troppo intenso hanno subito allarmato l’agente. Così, preoccupato per lo stato di salute di chi poteva trovarsi dentro la casa, ha deciso, nonostante non fosse una delle abitazioni controllate dal suo istituto, di provare a suonare per verificare se chi era al suo interno fosse al corrente di quanto stava accadendo. L’agente ha suonato e risuonato a lungo il campanello, senza però ottenere alcuna risposta dall’interno della casa. Così ha contatto la centrale della Cds. Qui, il responsabile locale dell’istituto, Jarno Pittoni, ha fatto allertare i soccorsi.

«Il problema – commenta Pittoni – era proprio dato dal fatto che non si riscontrassero segni di vita dall’interno della casa. Considerata la copiosa fuoriuscita di fumo nero dal camino, c’era il rischio che si fosse diffuso anche all’interno dell’abitazione, fino a soffocare nel sonno chi era dentro. Per questo abbiamo allertato immediatamente la centrale dei vigili del fuoco».

Dopo i ripetuti tentativi di svegliare gli occupanti della casa da parte dell’agente privato, sono giunti sul posto i pompieri, che attraverso uno strumento laser hanno subito rilevato che il fumo poteva essere una seria minaccia.

Intanto, nel borgo il frastuono aumentava, tra le sirene del mezzo dei vigili del fuoco e cani che abbaiavano, finalmente l’anziano che occupava l’abitazione di via Mazzini è riuscito a svegliarsi, aprendo la porta.

In questo modo ha permesso ai vigili del fuoco di accedere senza sfondare la porta. Una volta dentro, dopo aver messo in sicurezza l’abitazione, una prima ispezione ha fatto chiarezza su quanto accaduto: è stata l’otturazione della canna fumaria a provocare le forti esalazioni di fumo nero. Ma per l’anziano che dormiva non ci sono state particolari conseguenze, probabilmente proprio grazie al fortuito intervento dei soccorsi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Ictus cerebrale: come riconoscere i sintomi e come fare prevenzione

Grano saraceno al limone e rosmarino con rana pescatrice croccante su crema di sedano rapa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi