In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Restaurato il crocifisso “miracoloso” del Donatello

Il volto di Cristo trasudò sudore misto sangue. L’opera, di una chiesa di Padova, recuperata a Udine

1 minuto di lettura

Il crocifisso ligneo di Donatello, che appartiene alla Chiesa dei Servi a Padova e al quale è legato un evento miracoloso, è stato riportato all’antico splendore. Il restauro è stato eseguito a Udine, nel laboratorio della Soprintendenza di via Zanon, considerato uno dei centri d’eccellenza in Italia, alla stregua di quelli di Roma e Firenze.

L’opera è un crocifisso scolpito nel legno a grandezza naturale (circa 1,90 metri per 1,90), attribuito all’artista soltanto alcuni anni fa in seguito agli studi di Francesco Caglioti e Marco Ruffini. «È stato realizzato – spiega il parroco della Chiesa dei Servi, padre Cristiano Cavedon, già parroco della Madonna delle Grazie di Udine – probabilmente tra il 1440 e il 1460, quando Donatello si trovava a Padova». Nel laboratorio udinese l’opera è rimasta un paio d’anni ed è stata sistemata da due restauratori: Angelo Pizzolongo della Soprintendenza di Udine e Catia Michielan di quella di Venezia. «Un lavoro durato 2 anni – spiega padre Cavedon –, portato avanti in collaborazione con vari istituti statali, tra cui la Venaria Reale di Torino. A livello scientifico un contributo importante è arrivato dall’istituto nazionale di fisica nucleare del Dipartimento dell’Università di Torino. Ha dato preziose consulenze l’Opificio delle pietre dure di Firenze per la regia della Soprintendenza di Venezia, Belluno, Padova e Treviso». Entrando nel dettaglio, il restauro «è consistito nel ripulire la vernice bronzea con cui era stata rivestita la statua e riportare alla luce il color carne sottostante». Per farlo, è stato necessario compiere sulla statua tutta una serie di esami. «Sono stati eseguiti la tac, la cromatografia per risalire ai colori originari, analisi microstratigrafiche per verificare la composizione dei materiali con cui era stato dipinto il legno dopo essere stato scolpito».

L’opera – che si trova in mostra al museo diocesano di Padova (assieme ad altri due crocifissi del Donatello) in attesa di ritornare alla Chiesa dei Servi – è stata protagonista di un miracolo. «Nel gennaio 1512, infatti, dal volto e dal petto del crocifisso iniziò a trasudare sudore e sangue, il miracolo si ripeté durante la Quaresima. Le reliquie – indica padre Cavedon – sono custodite nella chiesa dei Servi. Questa è l’unica opera di un grande artista che si lega a un miracolo». I lavori di restauro sono stati descritti ieri nel corso di un convegno al centro culturale delle Grazie di via Pracchiuso. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori