Staffetta di solidarietà per l’hockey

Successo per la prima edizione della corsa organizzata da Madràcs

In centinaia in corsa per la solidarietà. Per sostenere, cioè, l’attività dell’associazione “Madràcs” di Udine, la prima squadra in regione di wheelchair hockey, formata da giovani affetti da distrofia muscolare e praticata su carrozzina elettrica a livello agonistico (il team milita in A2). Erano 39 le squadre di runner, professionisti e non, che per tutta la giornata di ieri si sono avvicendati lungo il circuito allestito al Parco di cemento “Ardito Desio”, ai Rizzi, per la prima edizione di “Metti il turbo 12 X1h”, staffetta non competitiva finalizzata appunto alla raccolta di fondi a favore del team.

L’iniziativa, riuscitissima, è stata organizzata anche grazie al sostegno di “Libertas” di Martignacco, del Comitato sport, cultura e solidarietà, di Udine, e dell’Uilm di Udine. In pista, dalle 8 alle 20, molti podisti, amici dei ragazzi della squadra e loro familiari. I fondi ricavati dalle iscrizioni – ha spiegato il presidente di Madràcs, Ivan Minigutti – saranno adoperati per la manutenzione delle carrozzine usate per l’hockey e per affrontare i costi delle trasferte di campionato, attualmente gravanti sulle famiglie dei ragazzi. Il pomeriggio è stato allietato da dimostrazioni, concerti e intrattenimento.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Fiammiferi di asparagi con aspretto di ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi