In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Le imprese rischiano di dover licenziare

Incertezze tra le aziende impegnate nel cantiere. «Dopo dure selezioni e proteste ora la beffa»

1 minuto di lettura

UDINE. «Abbiamo visto gli artigiani piangere quando hanno messo i sigilli al cantiere»: è una frase detta in occasione del blocco dell’elettrodotto Dolo-Camin, fermato, come accaduto in Friuli, per azioni legali dei comitati contrari all’infrastruttura. Una scena che potrebbe adattarsi anche alla situazione nostrana, stante la crisi che attanaglia le attività produttive.

E’ dura, per le imprese, accettare la sospensione dei lavori dopo la severa selezione iniziale del bando di gara, la corsa contro il tempo imposta dal committente, l’umiliazione dei frequenti attacchi dei residenti dissidenti. E dopo la sentenza del Consiglio di Stato, altri battibecchi fra gli addetti che stanno mettendo in sicurezza il cantiere, perché nessuno si faccia male, e certi proprietari che li invitano ad andarsene. Il danno e le beffe.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Elettrodotto, Legambiente in campo: l’opera resta necessaria ma va modificata]]

Riferisce «sconforto e incertezza» Stefano Paier, responsabile dei progetti Terna all’interno della Armando Cimolai di Pordenone, che ha fornito i piloni per l’elettrodotto Redipuglia-Udine Ovest. «E’ il terzo cantiere della Terna che chiude - dice amareggiato Paier -. Ogni magistrato interpreta la legge a modo suo: per il Tar era tutto a posto, mentre al Consiglio di Stato un vizio di forma ha bloccato tutto.

E’ assurdo fermare un elettrodotto completato e mandare a casa imprese, per banalità». Cimolai non è danneggiata più di tanto: ha già fornito i sostegni tubolari in acciaio, che vengono costruiti a San Quirino.

«Materiali ipercollaudati - aggiunge Paier -, li mandiamo anche all’estero. Terna ai suoi fornitori impone una serie di qualificazioni severissime». Si riferisce piuttosto alle altre imprese, per molte delle quali non è ancora certo possa proseguire: «Gli operai, li manderei a certi sindaci che ignorano che l’interramento richiede sbancamenti permanenti larghi come autostrade.

La Bassa Friulana è bellissima, ma non è poi quel parco naturale che si vuole far credere. Ho parlato con molti agricoltori e, tranne qualcuno, non mi parevano preoccupati». La conclusione: «Impossibile smantellare, deve prevalere la ragione di Stato: l’elettrodotto si farà».

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Linea interrata? E' analfabetismo tecnologico]]

Non sono certi di poter reimpiegare la manodopera eccedente alla Tecnolines, pure pordenonese, che occupava fino a qualche giorno fa qualche decina di addetti.

La ditta opera con squadre multifunzione: dalla predisposizione delle basi in calcestruzzo al montaggio dei piloni, fino al posizionamento dei cavi. «Per una parte, si tratta di manodopera altamente specializzata - precisa il referente della società -, per cui non è facile riversare questo tipo di personale in altri cantieri. Si tratta di friulani. Non si considera poi che con l’interruzione dei lavori si ferma l’indotto: il calcestruzzo si comprava in zona, le maestranze si servivano di alberghi e trattorie. Speriamo di poter riprendere». (p.b.)

I commenti dei lettori