In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Elettrodotto, Terna contrattacca: «Senza la nuova rete è rischio blackout»

La società della Udine-Redipuglia pronta a ulteriori azioni legali. «Tolti 400 vecchi pali». Boem (Pd): cantieri da preservare

di Domenico Pecile
2 minuti di lettura

UDINE. Nuova controffensiva di Terna contro la sentenza con cui il Consiglio di Stato ha bloccato per un vizio di forma l’elettrodotto aereo Udine Ovest–Redipuglia, in avanzata fase realizzativa. L’operatore di reti per la trasmissione dell’energia elettrica contrattacca snocciolando altri dati sulla situazione di rischio elettrico cui il Fvg si ritrova adesso esposto dopo la sentenza del Consiglio di Stato.

Non solo, ma Terna annuncia che valuterà ogni possibile azione legale per tutelare il pubblico interesse alla realizzazione di una linea affidabile che consente la dismissione di 110 chilometri di vecchie linee elettriche, oggi raggiunte dai centri abitati di 30 Comuni della Bassa friulana.

Insomma, per Terna senza l’elettrodotto il Fvg continuerà, oggettivamente, a versare in una situazione di rischio elettrico, che espone cittadini e imprese al pericolo di disservizi e di blackout. La rete elettrica friulana - spiega Terna - si compone di sole 2 linee a 380 kV: la Redipuglia-Planais-Salgareda, entrata in esercizio nel 1972, e la Planais-Udine Ovest-Cordignano, entrata in esercizio nel 1983.

Nel 1983 i consumi elettrici erano pari a circa 4 miliardi di kilowatt/ora. Da allora, i consumi elettrici del Fvg sono cresciuti di circa il 250 per cento, giungendo oggi al livello di 10 miliardi di kilowatt/ora, ma la rete elettrica ad altissima tensione non è stata ammodernata e non è in grado di rispondere efficacemente al fabbisogno elettrico attuale.

Non a caso - rimarca ancora Terna - la necessità di realizzare l’elettrodotto Udine Ovest-Redipuglia è stata rilevata più di un decennio fa, con il Piano di sviluppo della rete del 2003: già allora era evidente il rischio elettrico cui sarebbero stati sottoposti negli anni a venire gli abitanti di una regione caratterizzata da consumi elettrici molto cresciuti rispetto al 1983, con una rete di trasmissione obsoleta.

La realizzazione dell’elettrodotto Udine Ovest-Redipuglia, quindi, risulta urgente e indispensabile al fine di assicurare sicurezza e stabilità per l’attività delle imprese e le necessità delle famiglie friulane.

Ma Terna fa anche notare che dal punto di vista ambientale, fermando la realizzazione di questa infrastruttura, si impedisce la liberazione del territorio friulano da oltre 110 chilometri di vecchie linee.

«Il nuovo elettrodotto, infatti - si legge in un comunicato - è stato concepito per produrre una straordinaria bonifica del paesaggio, con la dismissione di 400 tralicci e l’interramento di 13 chilometri di altre linee obsolete, che consentirebbero di liberare 680 edifici dalla prossimità alle vecchie linee, restituendo all’uso ben 367 ettari di terreno oggi asserviti».

E a difesa della realizzazione dell’elettrodotto scende in campo anche il consigliere regionale del Pd, Vittorino Boem. Secondo cui «più che la disputa sull’elettrodotto, che troverà pochi contenti e molti scontenti, dobbiamo renderci conto che non è possibile lavorare in un sistema che non dà certezze nell’operare e nelle tempistiche».

Una riflessione – continua - sulla fragilità del Paese è quindi d’obbligo, pur nel rispetto del lavoro della magistratura. «Non va dimenticato - conclude - il lungo percorso, sebbene travagliato, di condivisione tra tutti i soggetti coinvolti e proprio per questo, non è possibile mettere in discussione ogni due giorni quanto già condiviso. Abbiamo bisogno di certezze, così tutto il Paese perde di competitività, solidità e concretezza».

I commenti dei lettori