Torrenti: nessun Cara nella caserma Lamarmora

L’assessore regionale ha anche incontrato i carabinieri: l’ipotesi non è al vaglio. Via libera al progetto di un privato che vuole mettere a disposizione il suo albergo

TARVISIO. L’assessore regionale Gianni Torrenti ha escluso che la caserma Lamarmora diventerà un Cara per ospitare i clandestini. Il suo “no” è arrivato ieri in occasione della visita all’hotel Il Cervo, struttura ubicata nei pressi dei campi di sci Duca D’Aosta, che potrebbe essere sede di un centro di accoglienza e aggregazione per una trentina di minori, grazie dalla disponibilità del proprietario Vito Anselmi.

Come richiesto dal sindaco Renato Carlantoni, il capoluogo della Valcanale, se dovesse andare a compimento il centro per minori nell’hotel, Tarvisio avrebbe fatto la sua parte ed in una comunità a vocazione turistica di 4.500 abitanti non sarebbe opportuno creare altre sedi d’accoglienza, quindi, verrebbe meno anche l'ipotesi del mini Hub al valico di Fusine.

Anche il prefetto di Udine Vittorio Zappalorto ha condiviso questo indirizzo, anche se, va detto, non ha escluso del tutto che la caserma Lamarmora possa servire, in caso di emergenza, specie se gli arrivi dei profughi da questi confini dovessero aumentare in maniera esponenziale. Il rappresentate di governo si è poi incontrato anche con i carabinieri per ragionare sulla necessità di istituire un presidio sanitario di primo controllo.

Al riguardo del centro per minori all'Hotel Il Cervo, il prefetto ha aggiunto che «è indubbiamente un bella sfida puntare su un progetto di integrazione completa il cui obiettivo è di preparare professionalmente i giovani stranieri in due anni».

A spiegare nei dettagli l’iniziativa imprenditoriale agli ospiti era stato lo stesso Vito Anselmi che ha voluto subito fosse chiaro che rinuncia per questo ad ogni guadagno, ma chiaramente per essere realizzato il progetto abbisogna di opportuni finanziamenti trattandosi, non solo di dare ospitalità a i giovani, ma anche di insegnare loro l'italiano ed anche un mestiere perchè, in due anni, possano anche essere preparati ad inserirsi nel tessuto sociale.

Essendo un programma molto interessante ma anche articolato, l’assessore Torrenti ha annunciato che si metterà attorno ad un tavolo con le parti interessate anche del sociale, per approfondire la tematica, ma ha anche sottolineato che non c’è solo l’alta qualità degli alloggi a dare valore aggiunto all’iniziativa, ma le stesse prospettive sono molto importanti.

«Mi metterò a disposizione di questi giovani – ha precisato Anselmi – anche per ricreare nel centro quel calore famigliare che hanno perduto lasciando le loro case, scappando dai scenari di guerra. Dovremo impegnarci anche ad aiutarli a trovare la strada che ritengono più opportuna per il loro futuro». Anselmi si è dichiarato tranquillo rispetto a chi crede che la sua proposta possa creare danno alla sua stessa attività alberghiera. «Credo, invece, che possa essere una valore aggiunto – precisa – sia per il modo con cui ospiteremo i giovani sia considerando anche che proprio in albergo potrà essere agevolata la loro integrazione».

Si va, dunque, verso la convenzione a tre, Albergo, Giunta regionale e Prefettura. Soddisfatto il sindaco Renato Carlantoni che vede allontanarsi la possibilità che la caserma Lamarmora diventi un Cara e l'ex caserma dei carabinieri di Fusine un Hub.

«Siamo pronti a fare la nostra parte – afferma il sindaco -, ma a condizione che si mantengano questi numeri, 30 circa.

Siamo un comune turistico, vogliamo rafforzare ulteriormente questa nostra vocazione, sulla caserma in oggetto ci sono ufficialmente investitori pronti a una riconversione alberghiera, non voglio nemmeno pensare di essere costretto a rinunciare a tale opportunità per far spazio ad un Cara, sarebbe folle giocarsi un’occasione di riconvertire l'area dismessa più grande di Tarvisio, sita a ridosso dei campi da sci, sui quali la stessa regione, attraverso Promotur, ha investito milioni di euro per lo sviluppo turistico.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Azovstal: l'"ultima sigaretta" del soldato fra le bombe è il simbolo della fine della battaglia

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi