Al Linussio ricettario ed eventi sull’alimentazione

CODROIPO. Valorizzare il territorio del Friuli e delle sue specificità in ambito di produzione agricola e sensibilizzare gli studenti sul tema dell’alimentazione, della salute e della produzione del...

CODROIPO. Valorizzare il territorio del Friuli e delle sue specificità in ambito di produzione agricola e sensibilizzare gli studenti sul tema dell’alimentazione, della salute e della produzione del cibo. Questi gli obiettivi del programma di iniziative didattiche - curricolari ed extracurricolari - che ha avviato l’istituto superiore “Linussio” di Codroipo (liceo scientifico, istituto professionale per i servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera, Ipsct) e di Pozzuolo del Friuli, (Istituto professionale per l’agricoltura; Ipa “S. Sabbatini”). Il finanziamento della FondazioneCrup permetterà alla scuola di realizzare attività finalizzate alla conoscenza delle caratteristiche naturalistiche locali, delle produzioni e lavorazioni tipiche, nonché della cultura enogastronomica del territorio, garantendo anche nuove prospettive lavorative agli allievi.

Il progetto, articolato in tre fasi principali, porterà alla realizzazione di un ricettario biligue (italiano - inglese) e la partecipazione ad alcuni eventi sul territorio. Durante l’anno scolastico, il liceo si dedicherà allo studio delle caratteristiche degli organismi naturali e geneticamente modificati, l’istituto professionale per l’agricoltura approfondirà le tecniche di selezione, coltivazione e conservazione dei cereali minori nell’ambito dell’azienda agraria annessa; l’istituto professionale enogastronomico elaborerà le preparazioni culinarie e produrrà il ricettario atteso.

«Ci troviamo dinnanzi a un nuovo modo di intendere la scuola – commenta il presidente della Fondazione Crup Lionello D’Agostini – che porta a una progressiva integrazione delle attività didattiche tradizionali con quelle dirette a far conoscere ai ragazzi le opportunità che il territorio offre loro, anche in vista di un futuro lavorativo. È necessario far decollare progetti che creano un notevole indotto, come in questo caso avviene per il settore del turismo enogastronomico e per il campo dell’agro-alimentare».(v.z.)

Video del giorno

Halloween a tavola: afrodisiaca e antispreco, cosa c'è da sapere sulla zucca

Grano saraceno al limone e rosmarino con rana pescatrice croccante su crema di sedano rapa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi