In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Udine, rientra l’allarme smog: il traffico non si blocca

Polveri sottili di nuovo entro i “range” a Santo Stefano dopo giorni di sforamenti. Il dato peggiore si è registrato martedì 22 con picchi pari al doppio del limite

2 minuti di lettura

Udine non è Milano. E neppure Bergamo Pavia, Piacenza, Reggio Emilia, Modena, Ferrara o Carpi. Tutte città cioè che, in forme più o meno variabili, hanno deciso il blocco, o le limitazioni, alla circolazione delle auto dopo i continui sforamenti, con veri e propri picchi delle polveri sottili nelle ultime settimane e in particolare nei giorni a cavallo di Natale.

No, nel capoluogo friulano, dopo i superamenti avvenuti a partire da sabato 19 dicembre, le centraline cittadine dell’Arpa hanno registrato nella giornata di Santo Stefano un rientro all’interno dei parametri previsti dall’Unione europea (50 µm) scongiurando, almeno per il momento, qualsiasi stretta di palazzo D’Aronco.

Gli ultimi trend

Sono tre le centraline installate dall’Arpa del Fvg a Udine: in via Cairoli, a Sant’Osvaldo e in via San Daniele. Punti di controllo e monitoraggio della qualità dell’aria cittadina che, nei giorni scorsi, avevano fatto segnalare picchi di preoccupante aumento tali da far scattare il primo campanello d’allarme nei corridoi del Comune. Sforamenti prima leggeri – in un ordine compreso tra 51 e 66 µm tra sabato e lunedì – che però hanno subito una decisa accelerazione con l’avvicinarsi del Natale.

Martedì 22, in particolare, la centralina di via Cairoli ha fatto registrare una media di Pm10 pari a 86 µm, quella di Sant’Osvaldo ha raggiunto quota 95 µm e in via San Daniele addirittura un valore di 107 µm, pari a più del doppio del limite massimo consentito dalla legge.

Dati che hanno alzato il livello di attenzione, ma che, fortunatamente, nei giorni successivi si sono gradualmente abbassati sino a rientrare nei range.

Se sul sito dell’Arpa, infatti, ieri non erano disponibili i dati della centralina di Sant’Osvaldo, quella di via San Daniele – per il 26 dicembre – faceva segnare una media di Pm10 pari a 46 µm, mentre in quella di via Cairoli si fermava addirittura a 42 µm.

A una manciata di giorni dalla fine dell’anno, inoltre, soltanto in via San Daniele, nel corso del 2015, è stato superato il numero massimo di giornate consentite da Bruxelles per gli sforamenti. In quella centralina, infatti, si è superato il limite in 38 occasioni – contro le 35 stabilite dalla normativa comunitaria – , mentre in via Cairoli in 28 e a Sant’Osvaldo in 26.

Piano comunale

Udine, a differenza di altre città, non prevede nel proprio Piano di azione comunale contro l’inquinamento dell’aria l’utilizzo delle targhe alterne. Il Piano approvato dalla giunta Honsell nel 2014 è valido, ogni anno, dal 15 ottobre al 15 aprile (solo per il riscaldamento degli edifici), con una sospensione, per i veicoli, dal 7 dicembre al 7 gennaio, cioè in concomitanza con il mese delle festività natalizie.

Nel dettaglio prevede limitazioni alla circolazione dei veicoli più inquinanti dalle 16 alle 20 all’interno del ring cittadino con l’esclusione, tra gli altri, dei residenti nell’area interessata.

Nella Zona a traffico limitato e nelle aree pedonali il divieto di circolazione è esteso alla fascia oraria dalle 14 alle 16 per gli automezzi diesel per trasporto di merci omologati euro 0, 1, 2 e 3.

In caso di sforamento dei valori limite di Pm10 segnalati dall’Arpa, quindi, le temperature dovranno essere abbassate di due gradi (da 20° a 18°) nei valori medi impostati internamente agli edifici.

Il sindaco, infine, in caso di variazioni particolarmente significative e per più giorni consecutivi – con medie di almeno due volte superiori ai 50 µm – può presentare una propria delibera con cui si dispongono ulteriori limitazioni al traffico.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori