In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

L’Ue ha deciso: mais Ogm vietato anche in Italia

Modificata l’area geografica in cui la coltivazione è autorizzata. Fidenato (Futuragra): «Dubbi sulla legittimità della direttiva»

2 minuti di lettura

UDINE. Ora non ci sono più battaglie legali, dubbi interpretativi e provocazioni sul campo che tengano: coltivare granoturco geneticamente modificato (Zea mays L.), in Italia, è vietato.

Così aveva chiesto anche il nostro Paese, insieme ad altri 18 Stati membri, il 1° ottobre 2015, e così ha stabilito la Commissione europea, con decisione del 3 marzo scorso. La notizia, come intuibile, ha avuto e continuerà ad avere un’eco particolare in Friuli Venezia Giulia, dove vive e opera Giorgio Fidenato, imprenditore agricolo e leader di Futuragra impegnato da anni in una vera e propria “crociata” a favore della libera diffusione degli Ogm.

Non è un caso, allora, se all’indomani della pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale dell’Unione europea della storica risoluzione è proprio dai suoi campi, al momento sotto sequestro, che suona già la tromba della riscossa. «Non sono così sicuro che la vicenda sia chiusa qui – afferma Fidenato – e con il mio legale sto valutando l’eventualità di impugnare la direttiva.

A nostro avviso, questo provvedimento vìola i trattati dell’Ue sulla libera circolazione delle merci: stando così le cose, un mio collega spagnolo può seminare e io no. Mi sembra che questo basti a porre un serio interrogativo sulla legittimità della direttiva».

Di partite aperte con la giustizia, al momento, Fidenato ne ha due: una davanti al tribunale di Udine, in concorso con i fratelli Leandro e Luciano Taboga, per il terreno che possiede a Colloredo di Monte Albano, e l’altra davanti a quello di Pordenone, per due terreni di sua proprietà a Vivaro. Identica l’ipotesi di reato contestata dalle rispettive Procure di competenza: la violazione del divieto di coltivazione di mais Ogm Mon810, introdotto dal decreto del 12 luglio 2013 del ministero della Salute.

In entrambi i casi, accogliendo l’eccezione sollevata dall’avvocato Francesco Longo, che lo difende, i giudici hanno “congelato” il processo, in attesa di conoscere il parere della Corte di giustizia europea, cui la questione è stata trasmessa, sulla legittimità di tale decreto. Al supremo organo comunitario, in particolare, è stato chiesto di chiarire se uno Stato membro possa adottare le misure di emergenza, qual è il provvedimento in parola, «anche in assenza dei requisiti di rischio grave e manifesto per la salute, sulla scorta del principio di precauzione».

Era stata la direttiva Ue 2015/412 del Parlamento europeo e del Consiglio a introdurre la possibilità, per ciascuno Stato membro, di richiedere di adeguare l’ambito geografico di un’autorizzazione alla coltivazione già concessa - risalente al 1998, quando la Francia concesse a Monsanto Europe Sa l’immissione in commercio dei prodotti a base di granturco Mon 810 -, affinchè tutto o parte del suo territorio potesse essere escluso dalla coltivazione.

A farlo sono stati 19 Paesi: oltre al nostro, anche Vallonia (Berlgio), Bulgaria, Danimarca, Germania (tranne che a fini di ricerca), Grecia, Francia, Croazia, Cipro, Lettonia (la prima a muoversi in tal senso), Lituania, Lussemburgo, Ungheria, Malta, Paesi Bassi, Austria, Polonia, Slovenia, Irlanda del Nord, Scozia e Galles.

Ricevuto l’elenco dalla Commissione, Monsanto non ha sollevato alcuna obiezione entro i 30 giorni previsti, non confermando in tal modo l’ambito geografico precedente. A dettar legge, a questo punto, è l’articolo 26 quater, paragrafo 3, della direttiva di adeguamento della “perimetrazione”. Il provvedimento porta il nome del commissario Vytenis Andriukaitis.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori