In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

«Quei 17 morti ci sono ma la fossa non esiste»

Per l’Anpi il documento di Premariacco è veritiero, «non si può, però, parlare di foiba»

2 minuti di lettura

PREMARIACCO. Il documento dell’anagrafe di Premariacco che parla di 17 cadaveri sepolti e riesumati a Rocca Bernarda nel ’46 «ha una sua legittimità, in quanto riporta la firma del sindaco e del segretario comunale. Ed è l’unica carta, finora, che ha un certo riscontro, tra tutte quelle che sono spuntate finora. Ma continuare a parlare di foiba è davvero fuori luogo».

L’Anpi, insomma, “resiste”, etichettando la fossa comune di Rosazzo come «improbabile» e «itinerante», perchè «prima si parla di Manzano, poi di Dolegna e ora anche di Scriò».

Ne è convinto Dino Spanghero, presidente provinciale dell’associazione nazionale dei partigiani, durante la relazione al 19° congresso svoltosi all’Enaip di Pasian di Prato. Lo fa attaccando ancora il documento della Farnesina, quello che ha scatenato il grande polverone.

«La scoperta di un incartamento, indubbiamente autentico nella forma – dice Spanghero –, non costituisce forma storica se non trova riscontro nella realtà e se non è suffragato da altre fonti storiche probanti; altrimenti è un foglio di carta, un’informativa inutile e faziosa, aria fritta. Anzi, a me pare che i due documenti, quello di Premariacco e quello del Ministero degli Esteri, non coincidano, ma addirittura si contraddicano in maniera macroscopica. In quello comunale si parla di gente morta nel ’44, in quello della Farnesina si accenna a una fossa comune un anno dopo».

E a rincarare la dose ci pensa anche il presidente regionale Elvio Ruffino che rimarca, secondo la sua tesi suffragata da dati storici, le incongruenze presenti nell’informativa del Ministero. «Si parla della divisione “Garibaldi - Natisone” come responsabile del presunto massacro. Ma il nucleo dei partigiani era a liberare Lubiana nel dicembre del ’44. Come possono essere stati loro i responsabili degli eccidi?».

Lo stesso Rufino non sembra per nulla sorpreso della notizia dei 17 cadaveri seppelliti a Rocca Bernarda rinvenuto nel registro dei morti a Premariacco. «Si sa che in quell’area – spiega – furono in molti a morire. Siamo in tempi di guerra. Siamo anche sul confine orientale, teatro di cruenti scontri. Ma non stiamo parlando di 800 persone. Non stiamo parlando di una fossa comune. E non si accenna nemmeno a una strage compiuta da partigiani, come qualcuno vuole far credere».

E l’Anpi rimanda, per fugare ogni tipo di dubbio, ai propri archivi. «Sono a disposizione delle forze dell’ordine – avvisa Spanghero –. Sono già state avvertite». «Basta controllare – fa sapere Ruffino – il volume dell’istituto friulano per la storia del movimento di liberazione pubblicato già nell’85. Contiene tutti morti, comune per comune, la data, l’ora, il motivo e il luogo di sepoltura. Insomma basta recarsi lì per controllare. Non abbiamo nulla da nascondere».

«Non abbiamo bisogno di lezione di civiltà e di correttezza storica – conclude Spanghero –. Abbiamo anche soppesato, di concerto con gli eredi di Vanni e Sasso, chiamati in causa quali autori del presunto massacro, la possibilità di tutelare l’onore dei partigiani dando mandato ad uno studio legale di Udine di seguire l’iter delle indagini giudiziarie e di valutare l’esistenza di elementi tali da consentire la denuncia o la querela».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori