In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Bullismo, intervengono i genitori: "Bastano le scuse, niente denunce"

Maniago, la madre di uno dei bimbi presi di mira da alcuni sedicenni ha chiuso bonariamente il caso. L’appello di carabinieri e Comune: «Episodi delicati, le istituzioni devono essere comunque avvisate»

1 minuto di lettura

MANIAGO. Hanno chiesto scusa: non saranno denunciati per atti di bullismo. I ragazzini che avevano preso di mira bambini tra i 10 e gli 11 anni che giocavano in Area Violis, nel quartiere maniaghese di Sud Ferrovia, minacciandoli persino di spegnergli addosso sigarette, si sono scusati con la madre di una delle vittime, che si è recata nel luogo in cui si sono verificati gli episodi per vederci chiaro.

I genitori dei piccoli finiti nel mirino di alcuni ragazzini - è stato appurato che si tratta di sedicenni - erano su tutte le furie in seguito alla segnalazione di maltrattamenti fatta dai figli. Una delle madri ha quindi deciso di effettuare un sopralluogo nell’area in cui i ragazzi si ritrovano per giocare e stare in compagnia (nello spazio, sorgono anche il centro sociale e il bocciodromo).

L’obiettivo era trovare almeno uno dei ragazzi che aveva compiuto atti intimidatori nei confronti dei bambini più piccoli, per parlare assieme e cercare di chiarire, per quanto possibile, la questione. Missione compiuta: dal faccia a faccia, è emerso che i ragazzi più grandi intendevano soltanto scherzare.

Non volevano, insomma, fare del male a nessuno. Quindi, le scuse. A dirsi rammaricati per quanto accaduto non sarebbero stati solamente i sedicenni, ma anche alcuni dei familiari di questi ultimi.

Nessuna denuncia, dunque: il caso si è risolto con un confronto sereno e con la promessa, da parte dei sedicenni, di non compiere più simili atti. L’auspicio dei genitori è che tali episodi davvero non si verifichino più. Su prese in giro in toni leggeri e piccoli screzi si può anche sorvolare, ma, quando c’è di mezzo la violenza, la questione assume tutt’altro peso.

Resta comunque importante, in presenza di simili episodi, informare le forze dell’ordine: le attività di controllo possono essere eseguite anche in assenza di una denuncia vera e propria. Una segnalazione agli uomini dell’Arma è sufficiente.

Come già messo in evidenza più volte, l’importante è non limitarsi ad affidare le denunce, per esempio, ai social network o al passaparola. Anche il Comune ha rinnovato l’invito alle famiglie a rivolgersi al Municipio, qualora vi fosse necessità.

L’assessore alle politiche giovanili e sociali, Andrea Gaspardo, ha ribadito che «è importante che le famiglie si rivolgano pure all’amministrazione in caso di necessità, anche solamente per segnalare casi di bullismo e valutare assieme le possibili azioni da mettere in campo, in sinergia con le forze dell’ordine e altre figure che potrebbero giocare un ruolo importante in queste situazioni delicate. Questi fatti non sono da sottovalutare e, per quanto possibile, cercheremo sempre di garantire supporto a famiglie e ragazzi».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori