In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Nel cimitero britannico 400 caduti per la libertà

Sono morti in Friuli e saranno commemorati lunedì ad Adegliacco. I racconti del custode. L’unica lapide in italiano è quella dell’aviere Martincich

1 minuto di lettura

TAVAGNACCO. Quattrocento vite (precisamente 415), come le storie che raccontano. Saranno commemorati lunedì, in occasione della festa della Liberazione, anche i militari del Commonwealth sepolti nel cimitero britannico di Adegliacco. Erano per lo più ventenni inglesi, australiani, neozelandesi, sudafricani. Anche loro sono morti in Friuli durante la seconda guerra mondiale combattendo i nazifascisti.

Quelle file di lapidi bianche, apparentemente fredde per la maniacale precisione nella disposizione, per l’incredibile cura del verde che le circonda (secondo gli schemi decisi dalla Commissione del Commonwealth britannico per i cimiteri di guerra) celano l’intensa forza del ricordo.

«I parenti vengono da lontano per lasciare un pensiero – racconta Sandro Visentini, che gestisce il cimitero britannico per conto della Commissione –. Una coppia neozelandese ha lasciato sulla lapide del nonno una conchiglia. Ma c’è stato anche chi ha portato piccole croci in legno con al centro un papavero, il fiore simbolo dei soldati inglesi caduti in guerra».

Conchiglia e papavero, due immagini positive, una legata al pellegrino che gira il mondo in cerca di uno scopo, l’altra al primo fiore a sbocciare nei campi di battaglia. Visentini, che ha visto passare parenti, ma anche famiglie e scolaresche udinesi, da 20 anni si occupa del posto.

Prima di lui, per 23 anni, c'è stato padre Bruno. Nella parte superiore delle lapidi è inciso l’emblema nazionale o lo stemma del reparto o reggimento, seguito da grado, nome, numero di matricola, data della morte ed età. Nella parte inferiore una frase scelta dai congiunti.

«Sono tutte in inglese, tranne in un caso – spiega –. Sulla lapide dell’aviere Martincich la scritta è in italiano». Il ragazzo, di nazionalità inglese, era figlio di una coppia originaria di Torre del Greco. Il cimitero ospita i caduti degli ultimi giorni del conflitto, prigionieri di guerra, perdite delle forze aeree e i deceduti nell’ospedale insediato a Udine dal primo maggio 1945.

Tra le tombe c’è anche un monumento che ricorda l’unico caduto della Grande guerra, un soldato senza nome riesumato dal dismesso cimitero di Versa di Romans d’Isonzo. «Questo era il cimitero più vicino, così hanno scelto di creare un memorial proprio qui».

E poi c’è una fila in cui le lapidi sono una vicina all’altra, ma senza “interruzioni” floreali. In quei pochi metri sono sepolti otto membri di un equipaggio aereo: a causa del difficile riconoscimento dei corpi la Commissione decise di seppellire tutti i giovani insieme, dedicando a ognuno una lapide diversa.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori