In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Debiti dell’Udinese, la Finanza in municipio

La Procura ha indagato un dirigente per abuso d’ufficio. Nel mirino Imu e canoni di locazione dello stadio Friuli non pagati

4 minuti di lettura

UDINE. Quanti sono i soldi che il Comune di Udine attende di incassare dall’Udinese calcio, al pari di qualsiasi altro contribuente o proprietario d’immobili, e quanti quelli che, di contro, rinunciando a presentare il conto alla società bianconera, ha versato o rischia di dover versare di tasca propria? È ciò che la Procura intende chiarire attraverso la nuova inchiesta giudiziaria che, tra la fine della settimana scorsa e l’inizio di questa, ha visto i militari della Guardia di finanza entrare e uscire per tre giorni da palazzo D’Aronco.

[[(gele.Finegil.StandardArticle2014v1) Il caso stadio "Friuli", dalla firma del contratto al recupero dei crediti]]

Il fascicolo è coordinato dal pm Marco Panzeri e raccoglie cinque distinti filoni d’indagine relativi ad altrettante vicende scaturite o, comunque, conseguenti alla stipula, il 29 marzo 2013, della convenzione per il “Trasferimento del diritto di superficie dello stadio Friuli” dall’amministrazione comunale alla società di patron Pozzo. La somma complessivamente sotto esame supera i 4,6 milioni di euro.

Tutti denari pubblici. Al momento, risulta formalmente indagato il solo responsabile del Dipartimento politiche finanziarie, acquisti e attività produttive, Rodolfo Londero, 47 anni, di Campoformido. Il reato ipotizzato è l’abuso d’ufficio continuato.

La perquisizione

Per il pm Panzeri è una specie di déjà vu. Sul suo tavolo il nome dell’Udinese è tornato più e più volte. È suo il faldone che, dal 2014, tiene la società bianconera sotto lo scacco di un’altra inchiesta in cui l’accusa di dichiarazione fraudolenta mediante fatture false (operazioni di scouting ritenute inesistenti) si incrocia a quella di omessa dichiarazione dei redditi a carico dei coniugi Pozzo, poichè iscritti all’Anagrafe italiani residenti all’estero.

Questa volta, l’attenzione investigativa è puntata verso il Comune e l’Udinese compare di riflesso, in quanto “beneficiaria” di una serie di presunte omissioni amministrative. Da qui, la serie di perquisizioni, audizioni e acquisizioni documentali effettuate negli uffici di palazzo D’Aronco, server dell’Ufficio tributi in testa.

L’accusa al direttore

Le vicende al centro dell’inchiesta sono tutte già più o meno note all’opinione pubblica, per essere state spesso oggetto di scontri politici nell’aula del Consiglio comunale e, di rimbalzo, sulle pagine dei giornali. Quella dell’Imu, per esempio, fa scuola.

Nel marzo del 2014, dopo che l’allora consigliere comunale d’opposizione, Adriano Ioan, sollevò lo strano caso del mancato pagamento da parte dell’Udinese dell’Imposta municipale unica sullo stadio Friuli, il patron Gianpaolo Pozzo convocò immediatamente una conferenza stampa per rispedire al mittente l’accusa. Al suo fianco c’era anche il sindaco Furio Honsell.

Ora, però, la faccenda si fa più seria. Al direttore Londero si contesta l’abuso d’ufficio per non avere attivato le procedure per la riscossione dell’Imu dovuta dal giugno 2013 al giugno 2016 e calcolata in circa 700 mila euro. All’epoca, un Pozzo particolarmente risentito spiegò che la rendita catastale calcolata 30 anni prima sul vecchio stadio doveva essere rivista e, a suo dire, abbassata per la riduzione da 40 a 30 mila dei posti.

L’imposta contestata

Non meno singolare la vicenda relativa al mancato pagamento da parte dell’Udinese dell’imposta ipotecaria e catastale dovuta per il passaggio del diritto di superficie.

In ballo, 863.521,50 euro, cioè la somma delle imposte e delle sanzioni per le quali l’Agenzia delle entrate, con due distinti provvedimenti indirizzati al Comune e alla società sportiva il 22 maggio 2014, sollecitò la liquidazione e che, a rigor di contratto, sarebbero interamente a carico dell’Udinese calcio (articolo 17, punto 1, della Convenzione).

Nel circostanziare la vicenda e ricordare come la fattura emessa dal Comune per l’operazione di cessione ammontasse a complessivi 26.042.611 euro - 21.587.611,17 euro relativi all’esecuzione delle opere del nuovo stadio e 4.455.000 al pagamento di 99 rate da 45 mila euro a favore del Comune -, la Guardia di finanza ha osservato come «per motivazioni allo stato disconosciute», il versamento delle relative imposte fosse stato effettuato non sulla base imponibile, bensì soltanto sulla quota dei quasi 4,5 milioni.

Il Comune aveva prontamente presentato ricorso alla Commissione tributaria provinciale di Udine, ma nessuna azione era stata avviata, nè prima e nè poi, nei confronti dell’Udinese. Tra le somme accantonate quest’anno da palazzo D’Aronco per i contenziosi, ha recentemente osservato il consigliere Maurizio Vuerli (Fi), una quota servirà proprio a coprire il procedimento.

Il pregresso dimenticato

L’articolo 3 della Convenzione vincola i contraenti a «definire i rapporti ancora pendenti». Come noto, alla data della stipula, al Comune non erano stati corrisposti ancora i canoni di locazione relativi ai periodi che vanno dal 1° luglio 2009 al 30 maggio 2010 e dal 1° luglio 2010 al 28 marzo 2013. Per un totale di 941.032,31 euro di mancati introiti nelle casse cittadine. Con nota del 17 dicembre 2013, il direttore del Dipartimento Servizi alla persona, Filippo Toscano, ne aveva comunque sollecitato il pagamento.

L’Anticorruzione

Il trasferimento del “Friuli”, ossia di un bene di proprietà del demanio pubblico, aveva ricevuto il placet della Corte dei conti e dell’Autorità nazionale anticorruzione dopo che il Comune aveva spiegato di non disporre di adeguate risorse finanziarie per procedere alla ristrutturazione dell’impianto sportivo.

L’accordo con l’Udinese, ossia la costruzione del nuovo stadio in cambio del suo «possesso giuridico e materiale» per i successivi 99 anni, era apparso quindi la soluzione ideale. Ma poi, con determinazione del 17 giugno 2015, era stata la stessa Autorità presieduta da Raffaele Cantone a sollevare cartellino giallo: opere di manutenzione straordinaria per oltre 2 milioni di euro realizzate dal Comune dopo l’affidamento del diritto di superficie erano parse stonate. Ed è anche rispetto a quel rilievo che, ora, la Procura chiede un approfondimento.

Dubbi sul nome Dacia Arena

Il divieto è scolpito all’articolo 5 della Convenzione: la denominazione “Stadio Friuli” non si cambia. Eppure, «apparentemente contravvenendo a quanto previsto», l’Udinese «risulta de facto avere variato il nome in “Stadio Dacia Arena Friuli”» nell’ambito di un contratto di sponsorizzazione.

L’operazione, fortemente contestata sia dall’opposizione in Consiglio comunale, sia dalla tifoseria, potrebbe a sua volta diventare materia d’interesse per la Procura. In cambio della deroga alla Convenzione, la Giunta Honsell aveva proposto all’Udinese che al Comune fosse corrisposto il 20 per cento del valore annuo del contratto di sponsorizzazione (il doppio rispetto all’offerta ricevuta), pari a 150 mila euro. Succedeva nel settembre 2015. Da allora, palazzo D’Aronco non ha mai più saputo niente.

E intanto, il nome è cambiato e le insegne “Dacia Arena” esposte sulle curve dello stadio, pur in presenza della sentenza del Tar che dichiara legittimo il diniego all’autorizzazione rilasciato dal Comune, non sono state ancora rimosse.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori