In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Crac ed evasione alla QBell: in nove davanti al giudice

Udine. Iniziata e subito rinviata l’udienza preliminare: in ballo fatture false per oltre 128 milioni. Al centro dell’inchiesta della Finanza, i presunti caroselli dell’ex presidente Macripò

2 minuti di lettura

UDINE. Il crac milionario di quella che fu la “QBell Technology spa” di Remanzacco ha varcato la soglia del tribunale. Da ieri, l’udienza preliminare a carico di Giuliano Macripò, 57 anni, orignario di Roma e residente a Udine, suo presidente e, poi, consigliere d’amministrazione, e degli altri otto imputati coinvolti a vario titolo nelle accuse di bancarotta, ricettazione e riciclaggio contestate dalla Procura, ha preso il via davanti al gup Francesco Florit.

In aula, con il proprio legale, avvocato Maurizio Miculan, anche la curatela del fallimento Qbell - l’azienda, a suo tempo leader nella produzione di schermi Lcd, fu dichiarata fallita nel novembre 2013 con un passivo di oltre 32 milioni di euro - per la costituzione di parte civile.

Coordinata dal pm Paola De Franceschi, l’inchiesta aveva portato alla luce una gigantesca - e, al momento, ancora presunta - girandola di false fatture: da un lato, quelle emesse dalla stessa Qbell dal 2008 al 2013 per un importo imponibile pari a quasi 82,5 milioni di euro, e, dall’altro, quelle emesse dai suoi fornitori dal 2008 al 2011 per un ammontare complessivo di oltre 46 milioni di euro.

Per un totale di 128,5 milioni. Numeri da capogiro, insomma, raccolti ed elaborati in mesi di indagini dalla Guardia di finanza e che avrebbero permesso all’azienda di Remanzacco di giustificare la compensazione del debito d’imposta ottenuto dalle operazioni commerciali regolari. Soldi che, in assenza di “caroselli”, avrebbe dovuto finire all’Erario.

Il legittimo impedimento di uno dei difensori ha reso necessario da subito un rinvio dell’udienza. Le parti si ritroveranno sabato 12 novembre, per le eccezioni preliminari e l’avvio della trattazione. I difensori di Macripò, avvocati Marco Cavallini e Giovanni de Nardo, sono intenzionati a seguire il rito ordinario.

Nella vicenda sono coinvolti anche Roberto Rindori, 57 anni, di Udine, Dario Vitale, 57, di Lecce, Franco Bozzatello, 46, di Piove di Sacco (Padova), Danila Iole Lugano, 58, di Verona, Alessandro Trabacchin, 63, di Cisterna di Latina, e Alfredo Gattini, 88, di Roma, tutti per reati di bancarotta.

Un’ipotesi di ricettazione è contestata a Giuseppe Prete, 55, di Ruffano (Lecce), mentre Laura Pastena, 33, di Avellino, risponde del riciclaggio o, in alternativa, di aver distratto denaro proveniente dalla bancarotta della QBell per l’acquisto di un appartamento.

A Macripò sono contestate innanzitutto tre ipotesi di evasione fiscale: dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture per operazioni inesistenti, emissione di fatture per operazioni inesistenti e indebita compensazione.

Ieri, il pm ha depositato documentazione relativa a una rogatoria in Romania volta a dimostrare la fittizietà di buona parte delle fatture.

L’ex amministratore è inoltre accusato di diverse ipotesi di bancarotta fraudolenta in relazione al fallimento della stessa QBell, della “Rc Heli srl” e della “Power Q srl”, tutte con sede a Remanzacco, d’indebita percezione di 312.821 euro di contributi regionali, di truffa ai danni della Idowell srl in liquidazione di Pradamano, e dell’appropriazione indebita di una tv.

Secondo le Fiamme gialle, si sarebbe avvalso dello schema classico della “frode carosello”, con la sua società in posizione di interposta e una serie di società cartiere al suo servizio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori