Esubero Coopca riparte imprenditore

Oggi l’inaugurazione del laboratorio di riparazioni che punta sulla telefonia

VILLA SANTINA. Sarà inaugurata oggi, alle 12, la nuova gestione del negozio Atre (in prossimità della rotonda a Villa Santina) con Massimiano Zilli, 45 anni di Socchieve (nella foto). Da esubero Coopca, pur di rimanere nella sua Carnia, Massimiano si è trasformato in imprenditore: è subentrato a Rinaldo Beorchia nel ramo di azienda per le riparazioni di Atre, attività che fornisce servizi di riparazione e vendita ricambi di grandi e piccoli elettrodomestici.

Lui, oltre all’assistenza tecnica per elettrodomestici, punta anche sulla telefonia, per dare un servizio in più alla Val Degano e alla Val Tagliamento.

Zilli aveva lavorato fin dal 1994 nel settore e fino al 19 dicembre all’Ipercoopca ad Amaro era stato responsabile dell’area no food (settori di informatica, telefonia, elettrodomestici e articoli vari).

Travolto come tanti dal tracollo di Coopca, Massimiano, dopo il comprensibile sconcerto iniziale, non è rimasto con le mani in tasca. Oggi la pensa così: «Si chiude una porta, si apre un portone. Sono diventato imprenditore perché a me l’elettronica e stare a contatto con la gente sono sempre piaciuti. E poi io volevo rimanere in Carnia». Oggi in occasione dell’inaugurazione ci saranno a Villa Santina pure autorità ed ex colleghi Coopca. (t.a.)

Video del giorno

Propaganda Live, i silenzi di Matteo Salvini secondo Alessio Marzili

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi