In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Carnera, l’opposizione: costi lievitati di 1,4 milioni

Udine, Pizzocaro sta preparando un esposto per la Procura: troppi aspetti da chiarire. Michelini: ci hanno sempre detto che andava tutto bene e adesso chi paga?

2 minuti di lettura

UDINE. All’opposizione i conti non tornano. Mentre il Comune assicura che i costi per la ristrutturazione del Carnera non sono lievitati, l’esponente di Per Udine, Paolo Pizzocaro denuncia un incremento della spesa di 1,4 milioni di euro: dai 2,8 del progetto preliminare approvato nel 2006 ai 4,2 milioni di euro complessivi sborsati da Palazzo D’Aronco dopo le ultime modifiche.

Modifiche che per l’assessore ai Lavori pubblici, Pierenrico Scalettaris si sono rese necessarie anche perché in dieci anni è cambiato il quadro normativo di riferimento. Ma Pizzocaro è convinto che la spiegazione non sia tutta lì.

«Capiamo la difficoltà che hanno a giustificare un simile disastro e saremmo stati disposti a collaborare perché l’obiettivo comune penso sia per tutti la riapertura del Carnera ma - tuona Pizzocaro - la maggioranza invece di collaborare con noi per fare chiarezza ha tenuto un atteggiamento ostruzionistico. Avevamo chiesto la presenza del progettista e di tutti i soggetti coinvolti ma il presidente della commissione ha ritenuto di non convocarli rendendo di fatto inutile la riunione che abbiamo di conseguenza deciso di boicottare. Ovviamente non sta a me dire chi ha sbagliato, sarà la magistratura a dirlo, ma ho l’impressione che ci siano delle responsabilità evidenti e per questo sto preparando un esposto in Procura».

«D’altronde - aggiunge - solo il fatto che si siano alternati quattro Rup (i dirigenti Bugatto, Fantini, Gentilini e adesso Disnan) e che ci sia una causa milionaria in piedi con la ditta alla quale era stato inizialmente affidato il cantiere, fa capire che qualcosa non è andato per il verso giusto. Sarei il primo a essere contento se davvero si riuscisse a inaugurare il Carnera il 23 dicembre, ma non mi risulta sia ancora stata bandita la gara per il collaudo e quindi ritengo più probabile che se ne riparli a primavera».

Sull’argomento è intervenuto anche il capogruppo di Identità civica, Loris Michelini: «In questi anni abbiamo cercato di capire cosa stava succedendo con interrogazioni, mozioni, convocazioni di Commissione, volevamo capire il perché dei lavori fermi, della lievitazione dei costi, della verifica del progetto, delle responsabilità (anche sull’amianto mi sono sempre chiesto: ma vuoi che il Comune non sapesse come era stato costruito l’impianto? Vuoi che il progettista non abbia fatto fare dei carotaggi o delle verifiche sul posto prima di consegnare il progetto?)...».

«Abbiamo fatto anche dei sopralluoghi, ma la risposta è stata sempre la stessa, che era tutto in ordine e che presto si sarebbero conclusi i lavori. A questo punto - concludo - mi chiedo chi risponde del progetto rivisto e approvato, dei costi raddoppiati con un danno enorme per le casse comunali in tempi di magra come questi, chi risponde dei ritardi e soprattutto cosa accadrà se il Comune dovesse perdere la causa con la ditta prima assegnataria».

La Polese di Sacile, insieme alla Mecoin srl di Milazzo con la quale aveva costituito l’Ati (Associazione temporanea d’impresa) che si era aggiudicata i lavori, ha presentato una richiesta di risarcimento di 2 milioni 589 mila euro.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori