In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Malghe di Porzûs: braccio di ferro tra Regione e Provincia

Bloccato il progetto dei partigiani della Osoppo. «La polemica non onora le vittime dell’eccidio»

2 minuti di lettura

UDINE. «Le malghe di Porzûs non devono finire al centro di una battaglia politica». Lo chiede l’Associazione partigiani Osoppo (Apo) con in testa Paola Del Din, medaglia d’oro al valor militare, per tentare di placare la contrapposizione tra Regione e Provincia dove è rimasto imbrigliato il luogo della memoria.

In ballo c’è un ricorso al Tar presentato dalla Provincia per chiedere l’annullamento della delibera con la quale la Regione ha disposto il trasferimento dell’immobile tra le sue proprietà. Un trasferimento previsto dall’eliminazione delle Province.

Una storia spiacevole che cozza con la volontà dell’Apo di tramandare alle nuove generazioni al storia della guerra di Liberazione anche attraverso le malghe, scenario il 7 febbraio 1945 di uno degli eccidi più efferati della Resistenza. Qui i gappisti uccisero 17 partigiani della brigata Osoppo.

Ora però la storia da raccontare è un’altra e più recente. Inizia nel 1984 quando l’allora presidente dell’Apo, Giorgio Zardi, decise di trasferire la proprietà delle malghe alla Provincia, la quale impegnandosi a conservarle, le classificò come bene culturale.

A scombussolare questo equilibrio è stata la riforma che eliminando le Province prevede il trasferimento alla Regione dei beni di valenza culturali. Dal 2010, infatti, le malghe sono monumento nazionale. Su quest’ultimo aspetto la Provincia non discute.

L’amministrazione di palazzo Belgrado rifiuta di doversi privare prima della fine del mandato dell’immobile. A sostegno della sua tesi, il presidente, Pietro Fontanini, ricorda che l’Apo, nei mesi scorsi, ha chiesto di rientrare in possesso delle malghe, attraverso un contratto di comodato d’uso. L’iter è partito con l’approvazione, all’unanimità, del consiglio provinciale. Da qui il ricorso al Tar, sul quale il tribunale amministrativo di Trieste non si ancora espresso.

Trovandosi in mezzo a una “guerra” tra istituzioni, l’Apo prende le distanze, limitandosi a ricordare alla Regione, alla quale ha inviato una sorta di dossier, di avere in mano il progetto per l’installazione nelle malghe di un pannello illustrativo realizzato per spiegare a chi non c’era il contesto in cui ha avuto luogo l’eccidio. «Il progetto - sottolinea il presidente Roberto Volpetti - ha ricevuto il finanziamento della Provincia e della Presidenza del consiglio dei ministri, ed è già stato approvato dalla Soprintendenza alle belle arti».

Questo per dire che i partigiani della Osoppo non vogliono entrare nel merito del ricorso, sul quale sarà la magistratura a stabilire chi è il proprietario delle malghe. Volpetti si limita a confidare che «attuali e futuri proprietari non interrompano il lavoro avviato, scongiurando che questo sia travolto da una polemica che non fa onore alle vittime e alla loro memoria».

Quello dell’Apo è un appello accorato a tutela di una pagina di storia troppe volte al centro del dibattito politico. Il suo obiettivo resta quello di non interrompere anni di collaborazione istituzionale rafforzata nel 2012, con la visita dell’allora presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

L’appello dell’Apo è giunto anche a Trieste dove, al momento, non si registrano prese di posizione. Tutti attendono il pronunciamento del Tar per sciogliere poi gli eventuali nodi amministrativi.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori