In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

A Pordenone un corso di laurea per diventare esperti di finanza

Il suggerimento del sindaco alla giunta regionale: «Fondi e beni della Provincia siano trasferiti al Consorzio di via Prasecco»

2 minuti di lettura

PORDENONE. L’università a Pordenone ha finalmente un futuro. Dal prossimo anno accademico il percorso di formazione in “Banca e finanzia” (corso triennale e quello specialistico, a cui corrispondono 15 docenti che, in parte, saranno incardinati proprio a Pordenone) si affiancherà a quello di Scienze e tecnologie multimediali, sempre dell’università di Udine, oltre Isia (istituto di design di Roma) e Infermieristica.

La svolta. Quello che ha portato Consorzio universitario (con il presidente Giuseppe Amadio), Comune (con il sindaco Alessandro Ciriani e il consigliere delegato Alessandro Basso), Fondazione Crup (rappresentata da don Luciano Padovese) e Università stessa (con i docenti Stefano Miani, Enrico Geretto e Gianluca Foresti) a dire che quella di ieri è «una giornata storica per il territorio», è il fatto che, per la prima volta, l’università di Udine, tramite l’accordo attuativo sottoscritto con il Consorzio, finanzierà un corso di laurea – non una sua duplicazione – nella sede decentrata di Pordenone.

Cambia il concetto di università: non più corsi fotocopia in ogni sede, ma l’idea di un’università policentrica. La Regione, che sostiene questa linea e che si è spesa per attuarla, ieri non c’era. Ma dopo le incomprensioni dei giorni scorsi – per il fatto di non essere stata coinvolta nell’operazione e poi per gli inviti arrivati in ritardo – il clima sarebbe destinato a rischiararsi. Nessuna delle istituzioni, per altro, può fare granché da sola.

Salto di qualità. A spiegare i contenuti della nuova proposta formativa è stato il professor Stefano Miani, tessitore per l’Università di Udine. Nel ricordare la storia del percorso di studi in Banca e finanza – uno dei primi in Italia – e i vari passaggi, fino alla decisione del rettore e del senato accademico di spostare l’intero corso a Pordenone, Miani ha evidenziato «che la posizione logistica ci offre l’ambizione di puntare a studenti che arrivano un po’ da tutta Italia e anche dal vicino Veneto».

Non solo: «Il percorso di studi non punta a formare cassieri bensì personale altamente specializzato, i futuri tecnici del settore finanziario. Per questo non puntiamo sui numeri quanto sulla qualità della formazione». Se il primo anno ci fossero «un centinaio di iscritti – ha proseguito Miani –, sarei molto soddisfatto».

Le ambizioni. In prospettiva si potranno studiare – «ci stiamo già lavorando» – interazioni con Scienze e tecnologie multimediali, altro percorso di qualità che, come ha ricordato Foresti, «ha raggiunto i 130 iscritti». Per completare l’operazione, l’Università ha chiesto al Comune di trovare gli spazi per ospitare la biblioteca di facoltà. Il sindaco ha più di qualche idea. Una ipotesi è la ex sede dell’Arpa, che si trova proprio accanto al polo di via Prasecco.

Il Comune. Se l’assessore Basso ha tenuto a sottolineare la regia del sindaco Ciriani nell’operazione e il lavoro svolto per far pesare sempre più Pordenone nel quadro regionale, Ciriani si è schermito dicendo che «oggi è un giorno di festa per tutti, non per appuntarsi medaglie. Si faccia festa e si metta da parte il rammarico ingiustificato». E alla Regione ha voluto dare un suggerimento.

A fronte dei nodi legati al venir meno della Provincia e della Camera di commercio – entrambi soci fondatori – «destini parte dei trasferimenti ordinari dati finora alla Provincia – ha detto Ciriani – per il Consorzio universitario. La Provincia, che ha appena incamerato 140 mil a euro di dividendi Atap, ha visto venir meno 4 milioni di finanziamenti ordinari. Per non parlare del patrimonio. Perché non destinare queste risorse al Consorzio universitario? Non c’è sfida culturale più alta che finanziare il Consorzio».

Consorzio. Se don Padovese ha ricordato l’impegno costante – anche nei momenti più incerti – della Fondazione Crup e parlato di una rinascita per il Consorzio, Amadio ha evidenziato come si chiuda un ciclo iniziato con la sua presidenza, ha riconosciuto a Ciriani, già da presidente della Provincia, un impegno per la causa dell’università e ha ricordato il ruolo svolto dalla Regione.

«Qualcuno pensava che il Consorzio non servisse più, qualcuno forse se l’è anche augurato, invece questo è un traguardo storico». Accordi analoghi con Trieste? «Magari, noi saremmo favorevoli» ha concluso Amadio.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori