Audioguide e fiabe: museo friulano a misura di bambino

Parte la raccolta di idee fra scuole, biblioteche e cinema. Al Visionario arriva Piumini autore della favola su Udine

UDINE. Il Friuli raccontato attraverso le favole e le audioguide, disponibili in forma assolutamente gratuita. Sei celebri autori per l’infanzia e i bambini friulani con le loro famiglie chiamati a realizzare il primo museo diffuso online che racconta il patrimonio umanistico, scientifico e naturalistico di Udine, Cividale, Marano Lagunare, Pesariis, Pradis e Pordenone.

Il progetto nasce da un’idea dalla fondazione Radio magica onlus e unisce fiaba, teatro e storie raccontate su audio e videoguide gratuite alla scoperta di monumenti, opere d’arte, personaggi, siti storici, leggende e curiosità.

All’origine di questo progetto, che si chiama “#smARTradio: l’arte di divulgare nell’era dei social” c’è la vulcanica attività della Fondazione onlus Radio Magica nata per favorire l’educazione, l’istruzione, l’intrattenimento, il potenziamento del plurilinguismo, l’integrazione multiculturale e per abbattere le barriere dell’intelleggibilità.

Lo scopo è mettere le basi di un museo diffuso virtuale a misura di bambino. I bambini in Italia vivono circondati da un patrimonio magnifico e questo patrimonio va a loro presentato in modo adeguato, con un linguaggio semplice e grandioso come quello delle fiabe.

Per questo le prime sei fiabe sono state affidate ad altrettanti sei celebri autori per l’infanzia: Roberto Piumini a Udine, Maria Loretta Giraldo a Pordenone, Luigi Dal Cin a Pesariis, Silvana Galdolfi a Pradis, Matteo Razzini a Cividale e Annalisa Strada a Marano Lagunare.

Grazie a loro saranno realizzate le prime sei fiabe per raccontare il patrimonio umanistico e scientifico del Friuli Venezia Giulia. #smARTradio punta alla bellezza e all’accessibilità.

Per questo, una volta scritte, le fiabe saranno interpretate in formato video dalla madrina di Radio Magica, Lella Costa e rese fruibili gratuitamente in chiave accessibile anche ai bambini con bisogni speciali, grazie, ad esempio, alla Lingua dei Segni italiana.

Il progetto, finanziato dalla Fondazione Crup e dalla Regione Friuli Venezia Giulia grazie al bando Cultura 2016, nasce da un’idea semplice. «Immaginiamo il Friuli Venezia Giulia come un grande prato su cui vogliamo seminare dei fiori. In ogni territorio selezionato per il progetto nascerà un fiore parlante, da ascoltare e da vedere» spiega Elena Rocco, ideatrice del progetto.

Tutti sono chiamati a costruire e prendersi cura di questo fiore, contribuendo alla scrittura dell’audio-guida del territorio che accompagnerà la video-storia d’autore. L’audio-guida rappresenta la corolla di petali attorno alla video-storia: ogni petalo sarà dedicato a raccontare ai bambini un sito, monumento, una leggenda o un personaggio del territorio. Tutti i fiori parlanti saranno gratuitamente disponibili dal sito www.radiomagica.org.

L’appuntamento è per oggi alle 17 al Visionario in collaborazione con la Mediateca Quargnolo: A merenda con Roberto Piumini per #smARTradio. Al termine dell’incontro, verrà distribuita nelle scuole, biblioteche, librerie, cinema di Udine una cartolina per partecipare alla raccolta di idee e realizzazione delle audio-guide. Su ciascuna scheda i bambini, aiutati dalle famiglie dovranno suggerire tre contenuti da raccontare, pensando a monumenti, opere d’arte, siti storici, storie, leggende e curiosità del territorio.

Le cartoline, che saranno raccolte dagli insegnanti, contribuiranno a definire il contenuto delle audioguide con le quali i bambini e famiglie potranno visitare le città friulane scoprendone i tesori. Frattanto, Radio Magica si è aggiudicata il premio “Il maggio dei libri 2016” assegnato dal Centro per il libro e la lettura del Ministero dei beni culturali e del turismo con il progetto “Tutti promossi con Radio magica ma...attenti ai troll”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Video del giorno

Antartide: Pine Island, il timelapse del ghiacciaio che si sbriciola

Gelato vegan al latte di cocco e ciliegie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi