In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Eataly al via: lavoro a 85 addetti e Friuli protagonista

Trieste, anteprima all’ex Magazzino Vino. Oggi, martedì 17 gennaio, l’apertura al pubblico. Una location eccezionale sul mare e 400 prodotti nostrani

3 minuti di lettura

TRIESTE. L’anima del Friuli, le sue eccellenze del cibo e dei vigneti, conquistano Trieste. E lo fanno nella “navicella” di Eataly protesa sul mare, che oggi, martedì 17 gennaio, ha aperto i battenti al pubblico.

E’ proprio la location, lo storico Magazzino Vini sulle Rive, il valore aggiunto del concept creato da Oscar Farinetti esattamente 10 anni fa, il 27 gennaio 2007. Gustare una pietanza o bere un buon bicchiere di rosso, di bianco o una bollicina osservando le onde, il castello di Miramare e sullo sfondo le montagne imbiancate della Carnia non ha davvero prezzo.

Ma Eataly ovviamente è anche business e i manager hanno ben chiari gli obiettivi. «A regime puntiamo a 10 milioni di euro di fatturato l’anno - dice Andrea Guerra, ex Ad di Luxottica e oggi braccio destro di Oscar Farinetti -. Il nostro target non sono solo i turisti, ma prima di tutto i triestini e gli abitanti di questa regione. E’ fondamentale la continuità per i buoni risultati».

Eataly Trieste parte con 85 dipendenti (loro preferiscono chiamarli collaboratori, ndr), ma non è escluso un ampliamento della forza lavoro nei periodi di punta, quando la città giuliana vivrà i suoi giorni più importanti dal punto di vista degli eventi, come la Barcolana.

«Comprare, mangiare, imparare», sono le parole d’ordine di Eataly, ieri ribadite da Francesco Farinetti, figlio d’arte e amministratore delegato del colosso. «Eataly non è una catena - aggiunge - ma è una famiglia legata al territorio».

Territorio che non è solo Friuli Venezia Giulia al quale è comunque dedicato un 25 per cento di presenza tra gli oltre 4 mila prodotti in vendita, ma che si espande verso Austria, Slovenia, Istria e Croazia. Nel tour dedicato ai giornalisti sui tre piani dell’ex Magazzino Vini ristrutturato con cura e sapienza, sensazioni e gusto, profumi e vista sono stati appagati.

Percorso che parte dall’area dove si fa il pane 24 ore su 24 nell’unico forno a legna di Trieste con farine non raffinate macinate a cilindri e a pietra naturale del Mulino Marino, un piccolo mulino artigianale che lavora prodotti di prima qualità in Piemonte.

A poca distanza il banco pesce “La Barcaccia” con il 70 per cento del pescato made in Adriatico, gestito dalla famiglia Amato che ha chiuso il proprio negozio per sbarcare da Farinetti. Al primo piano c’è il Mercato, con i prodotti in esposizione per gli acquisti.

Tra i presidi friulani fanno bella mostra di sè il “pestat di Fagagna” di Casali Cjanor e la rosa di Gorizia, il radicchio rosso di stagione.

«Non dobbiamo mai pensare che Eataly è caro - osserva Francesco Farinetti tra gli scaffali del Mercato -. I nostri prezzi sono democratici, paghiamo il sudore di chi lavora in modo serio. Sono circa 200 i prodotti del Friuli, questa è una terra ricca di spunti interessanti. Ma se c’è l’olio buono in Istria, andiamo a prenderlo anche là».

Lì accanto c’è l’Osteria del Vento: dall’antipasto al dolce, un unico ristorante. Una settantina i posti a sedere, vivamente consigliata la prenotazione, soprattutto nei week end. Si fa la pizza secondo la tradizione napoletana e il capo pizzaiolo è un ragazzo di 21 anni, formatosi a Milano e adesso pronto a vivere l’avventura giuliana. Sempre al primo piano rosticceria, macelleria e salumi e formaggi.

Tra le carni - trippe, coda, diaframma, carpaccio albese - non poteva mancare la Fassona piemontese, uno dei primi presidi Slow Food d’Italia, vecchio di più di vent’anni. Tra le nostre specialità brillano il crudo di San Daniele e quello di Cormons, oltre al formaggio latteria di Fagagna.

Rapida discesa fino al piano interrato, tempio del vino. Un’enoteca con 850 etichette, 200 delle quali di aziende regionali, con tutte le Doc, dal Carso al Collio fino ai Colli Orientali. Vini (anche sfusi) per tutte le tasche: da 2,50 euro a 800 euro per il Barolo d’annata di collezione.

Tra gli autoctoni si possono trovare Refosco dal peduncolo rosso, Tazzelenghe, Pignolo, Ribolla Gialla, Vitovska, Friulano e Malvasia Istriana. Ampia sezione dedicata alle bollicine, con una curiosità: il Prosecco, che spadroneggia un po’ dappertutto, da Eataly rappresenta solo il 2% dell’offerta complessiva.

Infine caffè e pasticceria. La tazzina al Magazzino Vini è esclusiva Illy, un brand che non ha bisogno di presentazioni, visto che è conosciuto in tutto il mondo. Torte e dolciumi invece sono forniti da una famiglia di pasticceri artigiani di Staranzano, i Maritani, papà Ottavio e i figli Sandro e Paolo.

«Vogliamo solo i migliori», dicono in coro Francesco Farinetti, Guerra e il capo negozio di Trieste Antonio De Paolo. La navicella molla gli ormeggi, che la festa cominci.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori