In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Ribaltone a Insiel: silurata la dg Filippini dopo meno di 2 anni

Risolto il contratto triennale con la dirigente bresciana. Alla base dell’addio divergenze sulla gestione societaria

2 minuti di lettura

UDINE. L’avventura di Maria Grazia Filippini a Insiel è durata meno di due anni. Il contratto triennale con la manager bresciana, cui la giunta aveva affidato a marzo 2015 il ruolo di direttore generale della società di proprietà della Regione, del valore di 150 mila euro all’anno, è stato infatti «risolto consensualmente» – come recita il comunicato ufficiale – nella giornata di ieri.

Una formula cui si accompagna il ringraziamento di rito «per il lavoro fin qui svolto», ma che in realtà non racconta le motivazioni vere che stanno alla base del divorzio.

Dopo la scomparsa di Lorenzo Pozza, che ricopriva a suo tempo i ruoli di presidente e amministratore delegato, la Regione aveva deciso di “spacchettare” la governance di Insiel affidandone la presidenza al friulano Simone Pukisc e optando, per il ruolo di direttore generale, a una ricerca su scala nazionale. Filippini aveva battuto la concorrenza di una cinquantina di super dirigenti di tutta Italia che avevano inviato le loro credenziali per il posto al vertice di Insiel.

Ex ceo di “Qui Business”, primo operatore italiano nel mercato dei buoni pasto e titoli di servizio per il welfare aziendale e sociale, nei sistemi di pagamento e nei circuiti di fidelizzazione, la manager doveva essere la protagonista, assieme a Puksic, del cambio di passo di Insiel.

Dopo più di un anno e mezzo di lavoro – Filippini era entrata in ruolo a metà aprile –, però, l’operato, da quello che filtra dagli uffici regionali e della società, non è stato ritenuto soddisfacente da parte dei vertici dell’amministrazione così come pare che i rapporti con Puksic, soprattutto in relazione alla gestione di Insiel, non fossero certo idilliaci.

Da qui, quindi, la decisione di interrompere il rapporto di lavoro con la manager lombarda e di lasciare i poteri di gestione dell’azienda in capo al Consiglio di amministrazione sino alla riassegnazione dell’incarico attualmente vacante.

Un ruolo, quello di direttore generale, che non dovrebbe più essere occupato da manager provenienti dall’esterno dell’amministrazione regionale perché, a oggi, sembra che l’intenzione della giunta sia quella di attingere dalle professionalità interne, in primis quelle esistenti tra i dirigenti di Insiel. Il ragionamento dell’esecutivo, infatti, è abbastanza semplice.

La fine naturale della legislatura è prevista fra un anno – al netto di eventuali accelerazioni impresse dagli sviluppi romani e dal voto per le Politiche – e tra la necessità di valutare i curricula degli eventuali pretendenti al ruolo lasciato vacante e il tempo necessario da concedere al prescelto per prendere confidenza con la macchina di Insiel, si perderebbero troppi mesi rischiando di avvicinarsi troppo al 2018.

Meglio, in altre parole, valutare una serie di candidature interne, già rodate sui meccanismi della società e in grado di muoversi all’unisono con Puksic per la realizzazione delle priorità strategiche indicate dalla giunta tra cui il prosieguo della digitalizzazione del sistema sanitario e il supporto agli enti locali.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori