In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

“Adotta un’area verde”, l’iniziativa è un flop: nemmeno uno sponsor

Il regolamento consente di finanziare anche parchi e giochi In più di un anno. Il Comune ha “ceduto” solo due aiuole

2 minuti di lettura

UDINE. AAA amante del verde cercasi. Potrebbe suonare più o meno così l’appello del Comune che da più di un anno ha aperto le porte ai privati nella gestione di parchi e aiuole. Una possibilità che non è stata sfruttata da nessuno o quasi.

A oggi Palazzo D’Aronco non ha trovato nemmeno un’azienda disponibile ad “adottare” uno spazio di verde sottoscrivendo un contratto di sponsorizzazione. Le possibilità offerte dal regolamento sono tre: la sponsorizzazione finanziaria che prevede il versamento di una somma di denaro per sostenere interventi di realizzazione o di riqualificazione di aree verdi o aree gioco, o per interventi di manutenzione.

In cambio il privato potrebbe dare visibilità al suo logo o denominazione attraverso dei cartelli da posizionare sul luogo. In pratica, il giardino potrebbe diventare un’originale vetrina per pubblicizzare la propria attività commerciale.

Se fino a pochi anni fa, il bilancio comunale si poteva permettere interventi straordinari per realizzare vere e proprie opere d’arte del verde come per esempio i giardini del Torso oggi infatti le risorse sono limitate e così l’assessore Enrico Pizza ha deciso di chiedere aiuto ai privati sull’esempio di quanto fatto (con maggiore successo) anche da altre città.

«Sinceramente speravo di raccogliere più adesioni da parte di grandi imprese friulane ma anche di vivai», dice Pizza. Perché la seconda formula studiata da Palazzo D’Aronco è quella della sponsorizzazione tecnica che consente di presentare e realizzare un progetto di miglioramento di un’area verde, che dovrà essere approvato dal Comune e che lo sponsor realizzerà prendendosi poi cura dell’area per un periodo stabilito dall’amministrazione.

Ma anche in questo caso, a più di un anno dalla modifica al regolamento approvata dal Consiglio comunale non si è fatto avanti nessuno. «Ho provato anche a contattare alcune realtà per informarle dell’opportunità ma non ho avuto riscontri», allarga le braccia sconsolato l’assessore.

L’unica formula che al momento ha riscosso un minimo di successo è la terza che prevede l’adozione di un’area verde grazie all’intervento diretto del privato per la manutenzione senza però alcuna visibilità commerciale. Sono solo due però le aree verdi adottate: la prima ai Rizzi, all’angolo tra via Brescia e via Crema e la seconda nell’intersezione tra via Mentana e viale Firenze.

L’iniziativa ai Rizzi ha avuto molta eco perché è nata dalla volontà dei residenti di non dimenticare Luca Santillo, un bambino stroncato da un male incurabile a soli 6 anni. Per ricordarlo il Comune ha donato alla famiglia una quercia, “l’albero di Luca” che è stata adottata dal quartiere per tre anni. Un’adozione dal significato molto speciale quindi che però resta al momento un caso isolato.

Ma sia per le adozioni che per le sponsorizzazioni c’è ancora tempo. Il regolamento ha infatti stabilito tre scadenze entro le quali far pervenire le domande nel corso l’anno: il 31 gennaio, cioè domani, il 31 maggio e il 30 settembre.

Per qualsiasi informazione è possibile rivolgersi al Servizio Infrastrutture 1 di via Nodari 37 o telefonare al numero 0432-1273316. È anche possibile realizzare aree gioco, aree attrezzate e aree cani, e chiunque può sponsorizzare o adottare il verde cittadino: soggetti pubblici o privati, singoli cittadini, associazioni, condomini, enti, università, scuole, società, banche, negozi, bar, chioschi, studi professionali. «L’auspicio - conclude Pizza - è che si facciano avanti sia le aziende che i privati».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori