In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

No al convegno sulle foibe: esposto contro il Comune

Il Giorno del ricordo diventa un caso. «Non si censura chi lavora per la verità.» L’evento sfrattato dalla biblioteca civica si terrà al ridotto del teatro Verdi

2 minuti di lettura

PORDENONE. Negare la sala comunale per una conferenza («contenuti non rientranti tra quelli ritenuti culturalmente validi») applicando una sorta di “censura preventiva” costituisce ipotesi di reato, nello specifico abuso d’ufficio? È quanto intendono sapere PnRebel e Nea Osservatorio antifascista del nordest annunciando un esposto alla magistratura. “Sfrattati” dalla biblioteca civica, i due movimenti hanno trovato casa al ridotto del teatro Verdi per la conferenza sul Giorno del ricordo che l’assessorato alla cultura del Comune aveva definito «negazionista e offensiva».

La tavola rotonda è confermata. Non nella sala Teresina Degan della biblioteca civica, ma al ridotto del teatro Verdi, per il cui affitto sono stati versati 250 euro, importo superiore rispetto a quello necessario per ottenere la prima sala. Gli organizzatori respingono l’accusa di essere negazionisti: «Negazionista è chi nega, non chi ricerca la verità». Facile immaginare a chi sia rivolta questa affermazione.

Il caso era scoppiato una decina di giorni fa quando l’assessore alla cultura Pietro Tropeano aveva negato la sala della biblioteca per una conferenza sul Giorno del ricordo, nella data in cui cade, il 10 febbraio, a PnRebel. «I contenuti di questa conferenza non rientrano tra quelli ritenuti culturalmente validi da parte di questa amministrazione comunale. L’impronta negazionista di una simile tragedia è certamente antistorica e offende gran parte della popolazione della Venezia Giulia e della Dalmazia, colpita dai massacri delle foibe», era stata la motivazione.

Il testo della 92/04 recita che «la Repubblica riconosce il 10 febbraio quale Giorno del ricordo per conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale». Qual è, dunque, la complessa vicenda del confine orientale?

«L’iniziativa organizzata in una saletta dedicata ad una antifascista e partigiana pordenonese serviva proprio a contribuire a capire questa “complessità”, non tanto storica, quanto legata alla “narrazione” pubblica e mediatica di questi ultimi decenni e di come questa sia stata spesso strumentalizzata.

Non c’è alcuna negazione né delle foibe né dell’esodo – rimarcano gli organizzatori –. Un ricercatore parla della sua tesi di laurea che, attraverso una serie di correzioni, integrazioni e rielaborazioni, ha dato vita al libro “Fenomenologia di un martirologio mediatico. Le foibe nella rappresentazione pubblica dagli anni Novanta a oggi”. Non è neppure immaginare – proseguono – dare del negazionista a un figlio di esule istriano che da anni cerca di fare luce su quanto successo in quel “confine orientale”».

Si può essere d’accordo o meno con le analisi, «ma c’è qualcosa che è davvero irricevibile: censurare chi lavora nel fare luce su queste terribili vicende». Per gli organizzatori Tropeano ha applicato una sorta di “censura preventiva”: «Un atto di negazione ideologico e pregiudiziale che ci ricorda tanto, a pochi giorni dal “giorno della memoria”, quegli atti d’intolleranza politica di un regime come quello fascista nei confronti degli avversari politici, degli ebrei e dei “diversi” del tempo».

Il Comune «ha creato un precedente gravissimo, mai verificatosi in città, secondo cui tutto ciò che non rientra tra i contenuti ritenuti culturalmente validi saranno negati». Per PnRebel e Nea si tratta di un «vero e proprio abuso d’ufficio» che verrà rappresentato alla Procura con un esposto.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori