In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Boom di videopoker, allarme della Regione: la minaccia è il web

L’assessore alla Salute conferma l’esplosione dei casi. «Scommesse online pericolose soprattutto per i giovani»

2 minuti di lettura

UDINE. Parla di un fenomeno in esplosione e non nasconde la propria preoccupazione l’assessore regionale alla salute, Maria Sandra Telesca, che al gioco d’azzardo ha riservato da subito un’attenzione speciale.

A distanza di tre anni dall’inizio del mandato molto è stato fatto, ma il problema è lungi dall’essere risolto. Enorme, tentacolare, multiforme. Con l’aggravante dell’approdo sulla rete che oggi è di fatto incontrollabile. «È l’aspetto che mi preoccupa di più – confessa l’assessore – perché sul web abbiamo le mani legate ed è il luogo in cui anche i ragazzi, viceversa tutelati nel caso delle slot (vietate fino a 18 anni) possono con relativa semplicità venire in contatto con il gioco».

Molto è cambiato dall’anno in cui l’assessore si è fatta carico del referato alla Salute all’interno della giunta di Debora Serracchiani. «Ricordo bene che allora i referenti dei servizi mi raccontarono di essere preoccupati per le dinamiche del gioco d’azzardo. Eravamo proprio nel momento in cui il fenomeno era lì, lì per esplodere. I numeri oggi certificano che purtroppo la crescita c’è stata».

Nel 2016 si sono affidati ai servizi sociali 172 nuovi utenti per un totale di oltre 400 persone in cura. Tante rispetto al passato, poche se si considera che la maggior parte di coloro che sono affetti da una patologia legata al gioco d’azzardo non è in cura. «Fino a tre, quattro anni fa il gioco non era considerato nemmeno un problema. Ora i servizi per le dipendenze si stanno attrezzando.

Quanto a noi, attendiamo di vedere cosa uscirà dal comitato ristretto, consapevoli però – continua Telesca – che il problema non si ferma alle macchinette, ma come detto si estende sulla rete e oltre confine». Impossibile (o quasi) intervenire in questi casi, relativamente più semplice è invece con le slot.

All’esame del comitato ristretto ci sono alcune proposte di manutenzione della legge regionale 1/2014 che ha introdotto – tra l’altro – il divieto di installare nuove apparecchiature entro un raggio di 500 metri dai luoghi sensibili. Quelle vecchie però sono rimaste e l’intervento di manutenzione della norma dovrebbe correggere la stortura. Forse introducendo un periodo entro il quale gli esercizi dotati di slot si adeguino alla prescrizione. O incentivando l’abbandono delle apparecchiature con uno sconto sull’Irap.

Proposte, queste ultime due, a firma Andrea Ussai (M5s) e Mara Piccin (Fi) che il comitato prenderà in considerazione con l’obiettivo di arrivare a una sintesi. Sia per quanto attiene le modifiche alla 1, che prima dell’Aula saranno presentate ai portatori d’interesse, sia per legge-voto che Gino Gregoris lunedì ha proposto al comitato quale strumento idoneo a “suggerire” al Parlamento misure che la regione, essendo la materia del gioco di competenza statale, non potrebbe adottare autonomamente.

Il tema dei temi è in questo caso la pubblicità: fatti salvi i canali generalisti nell’intervallo dalle 7 del mattino alle 22, non conosce altre limitazioni e richiede a detta dei componenti il comitato un intervento restrittivo. Non l’unico.

Tra le file del comitato di ipotesi ne stanno maturando altre. Roberto Novelli (Fi) propone l’utilizzo, come già avviene per le macchinette automatiche delle sigarette, di introdurre l’utilizzo obbligatorio del codice fiscale per l’accesso a ogni tipo di gioco.

Dal lotto al bingo per arrivare alle slot. «In questo modo – afferma Novelli – faremmo diventare tracciabile il gioco con più di una conseguenza positiva. Su tutte la scoperta dell’evasione fiscale, che c’è, basti pensare a quante persone giocano migliaia di euro al mese a fronte di risicate dichiarazioni dei redditi. Ciò non sarebbe più possibile. In molti rinuncerebbero alla “partita” e gli irriducibili invece incapperebbero nel rischio di essere scoperti dal fisco».

Novelli rincara la dose. E tende allo Stato un guanto di sfida. «All’uso del codice fiscale dovrebbe accoppiare anche l’oscuramento dei siti internet dedicati al gioco. Almeno di quelli con server sul territorio italiano perché lì davvero non c’è alcuna forma di controllo ed è il luogo – conclude l’esponente di Forza Italia facendo eco all’assessore Telesca – dove i nostri ragazzi rischiano oggi maggiormente di cadere nella trappola».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori