In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Emergenza profughi a Pordenone, alla caserma Monti non c’è posto

Rete solidale denuncia: «Coperte e sacchi a pelo sottratti ai rifugiati». Ma per la polizia locale era materiale abbandonato

2 minuti di lettura

PORDENONE. Le coperte sottratte al Bronx riaccendono la polemica tra i volontari della Rete solidale e l’amministrazione comunale. «Ci risiamo – scrivono i volontari della Rete –. C’è da essere disgustati dal sadismo di questa amministrazione che periodicamente ruba le coperte e i sacchi a pelo ai rifugiati che dormono per strada».

I ragazzi che hanno trascorso la notte al Bronx (quattro tra sabato e domenica) hanno raccontato ai volontari che le forze dell’ordine sono passate e hanno sottratto quello che era nell’angolo del parcheggio utilizzato come riparo dove trascorrere la notte. Il comandante della polizia municipale, Stefano Rossi, però, puntualizza su questo fatto.

«Noi stiamo svolgendo controlli in diverse zone della città – ha spiegato – e laddove vengono trovati oggetti abbandonati li recuperiamo e li portiamo al magazzino. Al Bronx, mi hanno riferito gli addetti che hanno svolto le pulizie, sono stati raccolti rifiuti. Ora, un conto è raccogliere le cose della notte e riporle con ordine in un angolo, un conto è abbandonare gli oggetti».

Nel primo caso, Rossi ha specificato che era stato raggiunto un accordo e aveva dato disposizione di non portare via nulla che fosse riposto con cura in un angolo o racchiuso in sacchetti. Se invece gli oggetti vengono abbandonati, sono raccolti e portati via.

Oggi – ha assicurato il comandante – una volta tornato al comando verificherà quello che è successo sabato e contatterà i volontari della Rete. Già in passato, quando sono stati raccolti oggetti, qualora vengano a reclamarli, si restituiscono», ha rimarcato Rossi, il quale ha comunque sottolineato che era ormai parecchio tempo che episodi di questo genere non accadevano più.

L’altra notte, una volta verificato che le coperte non c’erano più, i volontari della Croce rossa hanno portato teli da stendere a terra, mentre i volontari della Rete hanno recuperato sacchi a pelo.

A dormire all’addiaccio erano in quattro: si tratta di persone che hanno già effettuato la registrazione in Questura e attendono un posto alla Monti. Un posto che, però, non c’è.

«L’hub è pieno – ha spiegato il presidente della Croce rossa, Giovanni Antonaglia – e finché sul territorio non vengono individuati luoghi per l’accoglienza il turn over non può verificarsi e chi è fuori non può entrare».

Sono già cinque notti che queste persone dormono al Bronx, in attesa che si liberino i posti alla Monti. Ma il meccanismo pare essersi inceppato.

Una situazione che si sta verificando con sempre maggiore frequenza, considerato che da agosto, nel momento dell’apertura del servizio, sino a febbraio non era mai accaduto che persone fossero costrette a stare fuori, mentre negli ultimi quindici giorni è già la seconda volta che accade: il primo marzo scorso sono stati trasferiti in cinquanta dalla Monti al Veneto. Ora la situazione si sta verificando nuovamente.

E oggi, lunedì 20 marzo, si conclude il periodo dell’emergenza freddo: sono una quindicina le persone che per un paio di mesi hanno trovato da dormire in diverse strutture cittadine. Da stasera saranno di nuovo all’aperto.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori