In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Don Nobile striglia gli udinesi: "Mancano rispetto ed educazione"

Il sacerdote incredulo esterna la sua amarezza sulle pagine de "La vita cattolica": musica e grida mentre passava la processione del Venerdì Santo

2 minuti di lettura

UDINE. Venerdì Santo. La Via Crucis attraversa via Paolo Sarpi e si imbatte nella festa organizzata, nella piazzetta, davanti al “BarLume”.

La gente si diverte e la musica riecheggia dall’interno del locale. Quando il gestore si rende conto che sta passando la processione è troppo tardi. Abbassa il volume, ma non riesce a evitare lo sfogo di monsignor Luciano Nobile che sulle pagine del settimanale diocesano “La Vita Cattolica” esprime la sua amarezza.

«Nemmeno la gentilezza di abbassare il tono di voce, vedendo passare della gente che pregava». Parole pesanti alle quali si aggiungono altri commenti sugli effetti della movida in una città che, secondo il monsignore, può esprimere ben altro.

Come in una scena del film “Don Camillo e l’onorevole Peppone”, a Udine scoppia il botta e risposta tra la Chiesa e la città.

Monsignor Nobile prende lo spunto dal “Cammino delle chiese” promosso dall’Ufficio diocesano per l’iniziazione cristiana e la catechesi, per ricordare che iniziative di questo tipo «aiutano a riflettere e dimostrano che si può fare qualcosa di diverso dal trascorrere il tempo a bere nei locali e a far confusione».

Inizia così la riflessione del sacerdote, una riflessione che assume i contorni di una vera e propria critica alla movida. «Nulla di male nel bere qualcosa insieme o trascorrere momenti in compagnia - continua il monsignore - ma la città non può e non deve essere solo questo».

Non è la prima volta che il parroco del Duomo fa notare la maleducazione delle persone. In passato aveva più volte denunciato la sporcizia e i danneggiamenti lasciati sul campo da chi aveva partecipato agli eventi organizzati davanti alla cattedrale. Lo rifà anche stavolta spostando però l’obiettivo nella zona di via Sarpi.

«Davanti alla porta della chiesa di San Pietro martire troviamo spesso bottiglie e lattine e chi vuol entrare per una preghiera deve farsi strada tra le persone che siedono davanti all’ingresso».

E poi torna a soffermarsi sulla sensazione vissuta durante la Via Crucis del Venerdì Santo. «Si tratta di un momento spirituale intenso, che meriterebbe quantomeno rispetto».

L’intervento del monsignore non è passato inosservato, lo commentano i baristi, lo analizzano i rappresentanti delle categorie, se ne parla nei locali e altri sacerdoti si schierano con monsignor Nobile.

Il parroco di San Quirino, don Claudio Como, non ha partecipato alla Via Crucis, ma questo non gli impedisce di dire che «durante il Corpus domini si registra la stessa indifferenza. Anche senza la processione - continua il sacerdote - tutti vedono la maleducazione della gente. Basta percorrere a piedi o in bicicletta il centro per capire che la città si sta imbarbarendo».

Il parroco di San Quirino non ha alcun problema a dire che «in città mancano i controlli, ognuno fa quello che vuole». Don Como va oltre e cerca le radici dell’indifferenza nei comportamenti dei genitori. «Il bullismo non mi meraviglia - insiste - il fenomeno inizia a bordo dei suv delle mamma e dei papà che suonano a chi sta davanti».

Ma torniamo allo sfogo di monsignor Nobile sulle pagine del settimanale diocesano che se non è una bocciatura poco ci manca. Critica la gestione, a vari livelli, della città, della movida e della società che, a quanto pare, trascura le lezioni di educazione soprattutto nei confronti dei fedeli.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori