Sostenibilità e sviluppo: continua il progetto al Liceo Percoto

L'attività svolta a scuola dopo una visita di alcuni studenti friulani in un istituto di Amsterdam

Alcuni mesi fa questo giornale si è occupato della prima fase del progetto Erasmus Plus “Food and Sustainability Thrive”, nell’ambito del quale il Liceo “Caterina Percoto” ha accolto i ragazzi dello Zwijsen College di Veghel (Olanda) per discutere di climatologia, ecologia e produzione alimentare sostenibile.

Nella prima settimana di aprile tutti gli studenti della classe 2DL sono stati invece ospitati dai loro compagni olandesi durante lo scambio internazionale che si è tenuto a Veghel con la partecipazione di tutte le scuole aderenti al progetto. L’attività è stata svolta con la supervisione dei prof.ri Myriam Roson e Mario Iacob, rispettivamente insegnanti di Inglese e Scienze naturali. Dopo una breve visita alla capitale Amsterdam gli studenti italiani hanno frequentato la scuola olandese dove hanno preso parte a numerose attività riguardanti la sostenibilità alimentare.

Tra queste si può ricordare la visita ad alcune fattorie e industrie di trasformazione in cui è stato mostrato agli studenti come il cibo può essere prodotto in maniera sostenibile, senza generare eccessivi rifiuti e riducendo l’immissione di inquinanti nell’ambiente. Naturalmente il viaggio non ha solo riguardato il progetto: durante il terzo giorno di attività i ragazzi italiani hanno avuto la possibilità di gareggiare in tornei sportivi insieme alla classe olandese. Una piacevole occasione di incontro è stata offerta da una festa organizzata dai ragazzi olandesi, con tanto di DJ, a cui hanno partecipato gli studenti di tutte le nazioni coinvolte nello scambio internazionale.

“La cosa che ci ha colpito di più è stata la differenza tra l’Olanda e l’Italia” afferma una ragazza di 2^DL “lì c’è molta più libertà per gli studenti, molto spesso ci lasciavano anche andare in giro da soli senza i professori”. Un’altra cosa che ha impressionato positivamente gli studenti è stata l’accoglienza delle famiglie olandesi: “Sono stati tutti molto gentili con noi, sia le famiglie che gli altri studenti; anche il cibo è stato molto buono” sottolinea un altro ragazzo. E’ stata un’esperienza sicuramente molto importante che ha permesso ai nostri studenti di confrontarsi con altre culture e punti di vista e i cui insegnamenti torneranno utili in futuro.

Focaccia integrale alla farina di lenticchie

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi