La Soprintendenza: «Nessun privilegio»

Azzollini difende il suo parere: dagli ex della Commissione illazioni offensive