In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Bambini non vaccinati costretti a mangiare da soli in mensa

Alcuni casi in scuole del Friuli. Inteviene la Regione: non sono degli untori. Si porrà fine a questi episodi infatti con una circolare. Per quanto riguarda la profilassi, invece, sono 5mila le prenotazioni per chi non ha provveduto prima

di Davide Vicedomini
2 minuti di lettura
(ansa)

UDINE. Bambini non vaccinati lasciati mangiare da soli in mensa. La psicosi sui vaccini obbligatori sembra aver preso il sopravvento in alcuni istituti scolastici della Regione. Così il dipartimento di prevenzione e promozione della salute la prossima settimana emanerà una nuova circolare – la terza in poco più di un mese – per fare nuovamente chiarezza sulla questione. «Si rischia – avverte il direttore regionale Paolo Pischiutti – di nuocere alla sensibilità di questi bimbi. I non vaccinati ci sono sempre stati. Non sono untori né persone ammalate. Ci appelliamo al buon senso e all’elasticità dei dirigenti scolastici». Nel frattempo circa 5 mila famiglie “ritardatarie” hanno deciso di prendere appuntamento per completare o addirittura iniziare i cicli di vaccinazioni per i loro figli che risultavano parzialmente o totalmente scoperti.

La nuova circolare

La parola d’ordine è “flessibilità”. Il dipartimento regionale di prevenzione ha ricevuto segnalazione di casi di bambini che sono stati isolati durante il pasto in alcune scuole del Friuli. «Questo non deve accadere – dice Pischiutti -. Siamo consci delle responsabilità che ricadono sui presidi, ma non bisogna creare allarmismi. Bisogna essere meno intransigenti, altrimenti si ha un effetto domino di paura sulle famiglie». La nuova circolare cercherà di mettere ordine a quegli episodi da cui si è generato il caos. A partire anche dai documenti che vanno presentati a scuola. «Ci sono alcuni istituti - continua Pischiutti - che hanno richiesto ai genitori non solo l’autocertificazione ma anche il certificato vaccinale. Il rischio è di creare ulteriore burocrazia e lunghe file nelle aziende sanitarie. Noi ribadiremo il fatto che è sufficiente e necessario presentare uno solo dei due documenti. Poi saremo noi a verificare la veridicità dei dati quando verranno trasmessi dai singoli plessi scolastici».

A scuola vaccinati: le regole da seguire



Boom di prenotazioni

Al 20 settembre, ultima rilevazione fornita dal dipartimento, risultano 13.419 le prenotazioni giunte alle Aas per eseguire le vaccinazioni. Di queste 5 mila sono pervenute da famiglie che hanno preso appuntamento per completare o addirittura iniziare i cicli di profilassi. Si tratta di quei bambini che risultavano parzialmente o totalmente scoperti da ogni tipo di immunizzazione. Le restanti riguardano gli inviti spediti dalle Aziende sanitarie ai genitori con bimbi in età di vaccinazione.

«Si tratta di un ottimo risultato – commenta Pischiutti -. Il dibattito che si è creato con il decreto ha sortito un effetto positivo. E’ servito a smuovere, grazie anche all’opera di sensibilizzazione degli operatori sanitari, dei medici e dei pediatri, quella fascia di indecisi. Rimane un nocciolo duro, un centinaio circa, di no vax che continuare a ritardare gli appuntamenti». Al 31 dicembre 2016 risultavano 15 mila i bambini dai 0 ai 16 che non erano stati sottoposti alla profilassi dell’esavalente e 25 mila al vaccino antimorbillo. Dati confermati anche dal report 2016 della Regione secondo il quale la percentuale della copertura vaccinale per l’antimorbillo in dieci anni era diminuita del 9% passando dal 92 all’83% con un crollo verticale a partire dal 2013. Molti, però, hanno deciso di regolarizzare la loro posizione nel corso di quest’anno, soprattutto dopo l’emanazione del decreto Lorenzin. Da qui la speranza confermata anche dall’assessore alla Salute Maria Sandra Tedesca di «raggiungere a breve il fatidico 95% di bambini vaccinati, percentuale che è sinonimo di “immunità di gregge”».

Vaccini a scuola, dubbi (e risposte) per i genitori



Controlli anticipati

I dirigenti scolastici trasmetteranno alle Aziende sanitarie - entro il 20 ottobre per i nidi e le scuole dell’infanzia e il 20 novembre per la scuola dell’obbligo - l’elenco degli iscritti che hanno autocertificato e autorizzato il trattamento dei dati. Le Aas provvederanno poi a restituire gli elenchi, indicando i soggetti non in regola con gli obblighi vaccinali che non ricadono nelle condizioni di esonero, omissione o differimento delle profilassi. Quindi, già dai primi giorni di novembre le Aziende Sanitarie saranno in grado di capire chi tra quei genitori che hanno richiesto l’incontro “per l’eventuale esecuzione delle vaccinazioni” dei bambini nell’età tra i 0 e i 6 anni vuole effettivamente procedere alla profilassi e chi no. Chi non vorrà mettersi in regola verrà rimandato a casa. «Procederemo ai controlli – dichiara Pischiutti – e alle relative sanzioni ben prima del 10 marzo, termine ultimo stabilito dal ministero». La multa va da 100 a 500 euro e scatterà dopo che per due volte il genitore non avrà risposto agli avvisi e alle raccomandate delle Aas.
 

I commenti dei lettori