In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Premio dell’Unesco a Villa Dora “esempio di tutela del paesaggio”

San Giorgio di Nogaro: il riconoscimento al progetto di ristrutturazione dell’edificio storico della Bassa L’intervento scelto tra centinaia di candidature. Il sindaco Del Frate: un’opera a servizio del territorio

di Francesca Artico
1 minuto di lettura
SAN GIORGIO DI NOGARO. L’Unesco premia Villa Dora. Ed è un riconoscimento internazionale importante per l’immagine della cittadina della Bassa. La settima edizione del Concorso internazionale “La Fabbrica nel Paesaggio” ha assegnato infatti un riconoscimento all’ampliamento della Biblioteca di Villa Dora di San Giorgio di Nogaro, in quanto “efficace interprete dei valori unescani di salvaguardia e tutela del paesaggio e dell’ambiente, per l’efficace recupero”. Il progetto, secondo la commissione, ben si inserisce nel contesto dell’antica villa garantendo la continuità storica. A proporre la richiesta del riconoscimento per Villa Dora, nel concorso promosso dal Club Unesco di Foligno e Valli Clitunnio, è stata la presidente del Club Unesco di Udine Renata Capria D’Aronco.

Soddisfazione del sindaco Pietro Del Frate, che sottolinea come questa sia «un’opera significativa a servizio del territorio», e ricorda che in questa ala della villa si trova la biblioteca contenente il patrimonio librario dello scrittore sangiorgino Luciano Morandini.

L’intervento a cui va il riconoscimento è il progetto redatto dall’architetto e direttore dei lavori architetto Andrea dell’Agnese, su incarico del Comune di San Giorgio di Nogaro. La ristrutturazione proposta dall’architetto Dell’Agnese ha donato una quinta alla villa verso via Aquileia e ha salvaguardato l’assetto urbanistico storico.

«Sono circa 150 i Club Unesco che ogni anno presentano delle candidature - racconta Capria D’Aronco -. Nell’edizione 2017 sono state raccolte 24 candidature da tutta l’Italia: quella da noi presentata ha ottenuto un buon risultato, la menzione d’onore assegnata ex equo con Gradisca d’Isonzo che era stata presentata dal Club Unesco di Gorizia».

Villa Dora è stata costruita alla fine del XVII secolo, come risulta dalle antiche mappe conservate nell’archivio storico di Gorizia, ed era proprietà della famiglia dei conti Novelli. Agli inizi dell’Ottocento la villa fu ereditata dalla famiglia dei baroni Andriani, che apportarono profonde trasformazioni all’edificio, attribuendogli eleganti forme neoclassiche.

All’interno, nella parte centrale la villa conserva tracce dell’originale decorazione seicentesca, testimoniata dalla travatura alla sansovina con motivi a rosette della sala a destra dell’ingresso principale. Interessanti le decorazioni parietali del salone di rappresentanza del piano nobile, di gusto tardo romantico.

Dopo essere passata alla famiglia dell’ammiraglio Canciani agli inizi del Novecento, la Villa è stata suddivisa in appartamenti ed abitata da diverse famiglie, fino all’acquisto, negli anni Novanta, da parte del Comune, che ha ristrutturato l’edificio per farne la nuova biblioteca.

I commenti dei lettori