In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Il sindaco: dopo il voto le intimidazioni

Vandali a Treppo Carnico. Cortolezzis: atto inqualificabile da parte di chi non rispetta l’esito del referendum sulla fusione

di Alessandra Ceschia
2 minuti di lettura
TREPPO CARNICO. «Se non fossimo all’estremo Nord dell’Italia potremmo etichettarlo come atto intimidatorio di stampo mafioso, ma qui le chiavi di lettura sono molteplici». Così Carlo Cimenti, presidente della PanCoop di Treppo Carnico, commenta l’atto vandalico messo a segno l’altra notte nell’unico negozio alimentari con annesso bar del paese.

La gente ha atteso per oltre due ore che i tecnici smontassero la serratura riempita di colla per aprire la porta ed entrare in negozio. È quanto è accaduto anche alla porta dell’ufficio nella ditta del sindaco Luigi Cortolezzis. «È stata una vera a propria intimidazione politica e va ricollegata a una durissima campagna di opposizione al referendum per la fusione che non si ferma, nonostante il responso favorevole della gente» punta l’indice il primo cittadino, deciso a sporgere denuncia. «Lo stesso gesto è stato messo a segno contro di me e contro il bar frequentato dal comitato del “sì” al referendum. Ho dovuto abituarmi, mio malgrado – aggiunge – agli attacchi personali, ma non capisco come si possa attaccare un servizio rivolto a tutta la comunità».

«Se questo è il modo con cui si conta di uccidere la democrazia e il responso delle urne, è bene che questo manipolo di personaggi avvezzi a tali bassezze sappiano che rispetteremo la volontà della gente emersa chiaramente dalle urne sul progetto di fusione con il Comune di Ligosullo. Fortunatamente – osserva Cortolezzis – sono tante le manifestazioni di sostegno giunte sia dalle comunità vicine, sia dalla mia comunità».

Il negozio, di proprietà del Comune di Treppo Carnico, è stato rilevato nel 2016 dalla Cooperativa “Pancoop” di Paluzza, che è subentrata alla titolare prossima alla pensione e, con non pochi sacrifici, viene gestito con l’obiettivo di mantenere in loco un servizio, in particolare per gli anziani che non hanno modo di spostarsi con mezzi propri, e dare lavoro a due giovani. La funzione sociale viene svolta anche con la gestione di un angolo bar da poco ristrutturato e ampliato.

«Inutile sottolineare l’importanza di un’iniziativa del genere per la piccola comunità di Treppo Carnico, che si propone anche nell’ottica delle nuove forme di sostegno alle aree marginali che lo Stato sta mettendo in atto – è la riflessione del presidente Cimenti –. Probabilmente, chi ha compiuto questo gesto non è a conoscenza di queste cose, non conosce la parola servizio, né tanto meno conosce la parola comunità. La chiave di lettura potrebbe anche essere di natura politica, vista la coincidenza con il referendum consultivo per l’unione dei Comuni di Treppo Carnico e Ligosullo che ha visto prevalere il sì. Considerate le polemiche precedenti tra favorevoli e contrari, il gesto potrebbe essere spiegato come protesta contro il sindaco, primo sostenitore dell’attività. In ogni caso – conclude Cimenti – un’azione inqualificabile, che denota mancanza di rispetto per i compaesani, per le operatrici e per la Cooperativa».

©RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori