I giocattoli della Befana "solo per i bambini italiani", polemiche per il post dell'assessore

L'assessore al commercio ed eventi correlati del Comune di Trieste, Lorenzo Giorgi

Il post dell'assessore comunale triestino Lorenzo Giorgi ha scatenato sdegno sui social

TRIESTE. «Raccolta di giochi usati per i bambini ITALIANI meno fortunati». È un passaggio del messaggio postato dall'assessore al Commercio del Comune di Trieste, Lorenzo Giorgi, sul suo profilo Facebook che sta scatenando una polemica non solo politica, criticato perché limita i beneficiari ai soli bambini di nazionalità italiana escludendo tutti gli altri.

Il post dell'assessore Giorgi poi rimosso da Facebook (da Il Piccolo)

Il messaggio dell'assessore è relativo al ritorno di una vecchia tradizione reintrodotta proprio dalla sua amministrazione, la "Befana del Vigile", che tra l'altro prevede l'allestimento in centro di un mercatino a favore della solidarietà, del commercio e dell' educazione stradale che prevede anche la raccolta di giochi usati.

SEGUI GLI AGGIORNAMENTI SUL SITO DE IL PICCOLO


Il messaggio è stato postato ieri ma dopo alcune ore sono cominciate le critiche - aumentate con il passare del tempo - attraverso i social fino a quando l'assessore lo ha rimosso.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Quanti milioni ha perso Lush, l'azienda felice senza social

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi