Dal Refosco a Tazzelenghe e Pignolo: il Friuli punta sui vini rossi autoctoni

Non solo sui bianchi che hanno sì guadagnato la ribalta internazionale ma – quanto a qualità – sono in buona compagnia. Il vigneto del Friuli Venezia Giulia può infatti contare su una “carta” tutt’altro che sguarnita, vale a dire i rossi. Refosco dal peduncolo rosso, Pignolo, Schioppettino sono solo alcuni dei vigneti autoctoni che rendono ricco il territorio.

Bocconcini di finocchi al mandarino e noci al forno

Casa di Vita