In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Ecco tutte le contestazioni del Fisco a Joe Bastianich

L’imprenditore deve rispondere di redditi non dichiarati per quasi 950 mila euro per l’attività di ristorazione dell’Orsone di Cividale

2 minuti di lettura

UDINE. Era stato lui stesso, nell’autobiografia “Giuseppino. Da New York all’Italia: storia del mio ritorno a casa”, a parlare dell’“Orsone” di Cividale del Friuli come di «un ristorante di lusso» e ad augurarsi il «riconoscimento di una stella Michelin», giocando «perlomeno nello stesso campionato di ristoratori come Antonio Cannavaccuiolo».

Mai un cenno, tantomeno sul sito web, all’attività agrituristica che, sulla carta, qualificava invece il suo lussuoso locale. Ecco perchè alla Guardia di finanza, durante una verifica fiscale avviata nel 2016, parve ancora più curioso accorgersi come, dal 6 agosto 2013, data dell’inaugurazione, e fino al 31 marzo 2015, quando l’insegna compì il salto di categoria, la società di Joe Bastianich avesse beneficiato delle agevolazioni fiscali previste per le società agricole. Da allora, sul presunto camuffamento della reale natura commerciale del locale è in corso un contenzioso tributario.

Una partita da 943.604 mila euro quella che l’imprenditore italo-americano ed ex giudice di Masterchef sta trattando con l’Agenzia delle entrate. In ballo, i redditi del 2013 e del 2015 che le Fiamme gialle ritengono essere stati dichiarati in misura decisamente “scontata” rispetto ai parametri cui la “Bastianich srl” avrebbe dovuto adeguarsi, in quanto società di capitali e non agricola: 515.252 euro il primo anno, a fronte dei 14.333 dichiarati in virtù di agevolazioni cui non avrebbe avuto titolo, e 428.352 euro il secondo, a fronte dei 12.061 euro nuovamente dichiarati, pur senza possedere i requisiti per annoverarsi tra le attività di “ristoro agricolo”.

Con i relativi avvisi di accertamento emessi all’azienda, il Fisco punta a recuperare l’Ires per entrambi i periodi d’imposta (pari a poco più di un terzo dell’imponibile e, quindi, rimasti al di sotto della soglia di rilevanza penale), oltre che l’Irap relativa anche al 2014 (quando il bilancio si chiuse in perdita) e calcolata in complessivi 57.938,12 euro. Impugnati con ricorso del professor Mario Nussi, entrambi gli avvisi saranno oggetto di controversia davanti alla Commissione tributaria provinciale (la data non è stata ancora fissata).

A fare perdere all’Orsone la qualifica di agriturismo - oltre allo sfarzo dei suoi arredi, alla raffinatezza del menù e all’offerta culinaria ispirata più a una cucina di stampo statunitense (hamburger e birra in primis), che non alla tradizione friulana - era stato il mancato rispetto dei vincoli imposti dalla normativa regionale: la provenienza da imprese terze, in misura superiore all’80 per cento, dei beni alimentari impiegati per la preparazione dei pasti, a fronte di una previsione di produzione aziendale pari ad almeno il 55 per cento, e l’apertura del locale per complessive 364 giornate, contro le 220 autorizzate dal Comune (sforamento indicato nel solo 2014).

Limiti che la società, già nel dicembre 2013, in una lettera indirizzata all’amministrazione comunale di Cividale, riconobbe di avere difficoltà a rispettare, ma che perpetuò fino al dicembre successivo, quando diede seguito all’intenzione - già a sua tempo manifestata - di chiedere il rilascio dell’autorizzazione a trasformarsi in ristorante.

Non è finita. Perchè a seguito dei rilievi della Finanza, a muoversi è stata anche la Direzione territoriale del lavoro di Udine, con una segnalazione all’Inail rispetto all’assunzione all’Orsone di personale con contratti agricoli. La contestazione riguarda la mancata denuncia all’istituto «dell’esercizio di attività relativa alla gestione di un ristorante», dopo il disconoscimento della Gdf.

Anche in questo caso, l’ex volto di Masterchef ha scelto di dare battaglia. L’udienza davanti al giudice del lavoro di Udine è fissata per il 7 giugno. In quella sede, l’avvocato Maurizio Miculan - che lo assiste e che l’anno scorso ha intanto ottenuto l’archiviazione del procedimento penale per l’ipotesi di falso ideologico in atto pubblico contestato a Joe Bastianiche e agli amministratori della sua società per le domande di avvio dell’agriturismo alla Camera di commercio e al Comune - ribadirà la linea difensiva argomentata già nei ricorsi (respinti) all’Ispettorato del lavoro e al ministero del lavoro.

«Il locale ha fatto da volano per l’attività vinicola – osserva il legale –, da sempre principale per la famiglia Bastianich in Italia. La ricezione e somministrazione di cibi e bevande non è mai stata esercitata secondo logiche di commercialità, ma solo nell’ottica di un’incisiva attività promozionale e pubblicitaria della produzione vinicola». Da qui, per la difesa, l’«irrilevanza» di ogni ragionamento sull’impossibilità di qualificare la ricezione come attività agrituristica.

©RIPRODUZIONE RISERVATA
 

I commenti dei lettori