Da Venzone a Santiago per sostenere Davide: già raccolti 15 mila euro

Daniele Riccioni ha percorso 2.719 chilometri a piedi L’obiettivo è aiutare un bambino affetto da tetraparesi

VENZONE

Da Venzone a Santiago de Compostela, sempre a piedi per oltre 2.700 chilometri con un grande obiettivo: aiutare un bimbo che lotta per migliorare le proprie condizioni. Daniele Riccioni, il viaggiatore partito a piedi lo scorso 8 maggio ce l’ha fatta ed è arrivato lunedì scorso a Santiago. Camminando, ha percorso 2719 chilometri facendo 83 tappe e attraversando l’Italia del nord, la Francia, e tutta il cammino di Santiago de Compostela. Quel viaggio ha permesso di raccogliere circa 15 mila euro che sono stati versati dai suoi sostenitori in un conto corrente e ora quei fondi potranno essere messi a disposizione della famiglia di Davide, il bimbo di 6 anni affetto da tetrapresi spastica dopo un brutto incidente: chi ha seguito il viaggio ha potuto farlo sulla pagina facebook “Io cammino per Davide” che ora conta 3500 iscritti. La famiglia di Davide non ha mai smesso di lottare perché quel bambino possa guarire e se in questi anni molte iniziative sono state realizzate per raccogliere fondi, il viaggio di Daniele è di certo significativo: «Ce l’ho fatta – racconta il viaggiatore 36enne –, a parte qualche vescica nei piedi, è andato tutto bene. Ho parlato di Davide a tantissime persone: la motivazione speciale che mi ha messo in viaggio non mi ha fatto sentire il peso dei chilometri percorsi. Ad ogni modo ora è difficile spiegare per me, non riesco ancora a capacitarmi di tutto. Mi fermo qualche giorno in Spagna e tornerò l’8 agosto: scenderò alla stazione di Gemona per fare l’ultimo tratto a piedi verso Venzone, sperando di trovare ancora qualcuno sul mio cammino».


A Venzone aspettano dunque il ritorno di Daniele e già si sta lavorando per una cena benedica da organizzare il 18 agosto. Intanto, anche i genitori di Davide esprimono i loro ringraziamenti: «Questo progetto di Daniele – ha detto la mamma Elena Piazza – è qualcosa di unico. Ha messo in pausa la sua vita e ha camminato per tre mesi e 2700 chilometri con il solo intento di aiutarci a dare una vita migliore a Davide. È un gesto meraviglioso, coraggioso, che ci ha lasciati senza parole». —



Video del giorno

Covid, Brusaferro: "Ecco le differenze tra l'epidemia oggi e un anno fa senza vaccini"

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi