In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Ravascletto, un mese dopo l'alluvione. Gli albergatori: "È stato peggio del '76"

Il racconto di Pietro De Infanti e Genny Di Comun, testimoni di "quella terribile notte dove una frana minacciava le nostre case"

2 minuti di lettura
Pietro De Infanti, proprietario dell'Hotel Bellavista 

«Mai visto niente di simile. L’alluvione qui in montagna è stata peggio del terremoto del 1976». Basta guardarlo negli occhi per capire che sta dicendo sul serio. Mentre racconta della colata di fango venuta giù a un passo dal suo albergo, Pietro De Infanti sembra rabbrividire. Di primavere sulle spalle ne ha diverse. Ha vissuto l’alluvione del ’66, dieci anni dopo l’Orcolat, eppure non sembra avere dubbi. «Stavolta è andata peggio. È come ci fossimo trovati all’improvviso in mezzo a un tornado, di quelli che vedi alla tv scoperchiare abitazioni dall’altra parte del mondo. Peccato stavolta i tetti fossero i nostri». Quello dell’hotel Bellavista è da rifare. «Una bella spesa, ma poteva andare peggio», commenta ancora De Infanti.

La montagna non si spezza: il nostro speciale multimediale a un mese dall'alluvione

L’hotel è chiuso, ma nel caminetto il fuoco scoppietta e una tavola poco distante è imbandita del miglior paniere carnico. Speck, Formadi Frant, l’immancabile salame. Con lui ci sono il sindaco Ermes De Crignis, il suo ex vice Sandro De Infanti, l’albergatrice Genny Di Comun che è anche assessore. Stretti attorno al tavolo tornano a martedì 30 ottobre. «Era passato mezzogiorno da poco ed ero appena rientrato da un sopralluogo vicino all’albergo quando ho sentito un boato e ho visto venir giù dalla montagna un fiume di fango e detriti. Non fosse stato per i De Infanti, che sono arrivati subito e hanno deviato il corso del materiale con uno dei loro mezzi, ora l’albergo sarebbe da rifare».

Dall’altra parte del tavolo Genny ascolta sorridendo. È la prima cosa che si nota entrando al Bellavista. Sebbene si parli di un evento che ha ferito a morte la Carnia, la gente di qui non ha perso il sorriso, anzi. «Ci siamo ritrovati più uniti che mai», racconta ancora l’albergatrice, 35 anni e un legame indissolubile con Ravascletto. «Sono stati gli anziani a darci una spinta – continua –. Uscivi di casa in quelle ore e vedevi nei loro sguardi lo smarrimento, bastava questo per capire cosa stava accadendo. La risposta è stata naturale. La gente si è messa a disposizione. Ci siamo trovati a lavorare nelle case, negli alberghi, per strada. Tutti con tutti».


Sulla strada che passa di fronte al Bellavista si sono riversati 800 metri cubi di materiale franoso. Ed è lì come in diverse altre zone del paese dove le strade sono state interrotte dal maltempo che «diverse persone sono accorse a dare una mano. Prima con mezzi propri, poi con quelli delle aziende, a titolo volontario, gratuitamente, senza farsi troppe domande e si sono trovate sul posto quando sono state richiamate al lavoro. Erano già al lavoro da ore quando sono poi arrivati i rinforzi» ricorda commosso il sindaco. Una nuova epopea friulana. Un’altra pagina all’insegna del “Fasin dibessoi”, di quel senso di comunità e autonomia che da 40 anni a questa parte spinge la gente del Friuli, nelle situazioni, più difficili, a far da sé. Come con la luce. In diversi paesi della Carnia grazie alla Secab, la società elettrica cooperativa dell’Alto But, l’elettricità è stata ripristinata nel giro di 24 ore. Incassata qualche disdetta, gli alberghi sono tornati al lavoro. «Dovremo informare più del solito, ma siamo pronti a farlo, a spiegare che qui la stagione è pronta a partire», assicura la giovane raccontando che sullo Zoncolan si è già iniziato a sparare neve in vista dell’avvio di stagione.


Molti problemi naturalmente a Ravascletto restano. Nel bosco sono caduti 8 mila metri cubi di legno, «tre volte tanto quello che preleviamo in un anno – spiega De Crignis –, dobbiamo intervenire sulla scuola di sci, che ha avuto danni per alcune centinaia di migliaia di euro, e sull’acquedotto, danneggiato a sua volta per poco meno di un milione» stima il sindaco ricordando che poi c’è la frana, sul versante Valsecca in un tratto della Panoramica delle vette, da mettere in sicurezza e ci sono le sponde dei rii da ripulire e consolidare anche qui per alcuni milioni di euro. Di lavoro, insomma, ce n’è ancora tanto, ma attorno al tavolo del Bellavista si continua a scherzare, il fuoco scoppietta, un bicchiere di vino scalda lo stomaco e fuori dalla finestra cade la prima neve.

I commenti dei lettori