Il consorzio investe 22 milioni per far crescere le imprese

A gennaio partiranno le demolizioni nella zona industriale per il centro logistico Previsti investimenti anche per opere di urbanizzazione e nuovi fabbricati 



. Il Piano Industriale triennale del Carnia industrial Park (Cip)prevede oltre 22 milioni di euro di investimenti per opere di urbanizzazione, infrastrutture industriali e ambientali e nuovi servizi alle imprese.


Spicca la realizzazione del centro di logistica di Tolmezzo: nella zona industriale sud a gennaio si demoliranno, per farvi posto, due fabbricati dismessi dove operavano un tempo le aziende Filippuzzi e Nigris. I lavori inizieranno subito dopo per creare un centro logistico da 15mila mq coperti che servirà a gestire e spedire le merci. Alle aziende offrirà spazi di magazzino (esigenza importantissima per sia per grandi imprese che per quelle più piccole) e un punto di riferimento per le spedizioni.

L’Assemblea consortile dei soci del Cip (i cui maggiori azionisti sono i Comuni di Tolmezzo e Amaro) ha approvato all’unanimità il Piano industriale e il Piano economico e finanziario sul triennio 2019-2021. Sono previsti, spiegano il presidente, Mario Gollino e il direttore, Danilo Farinelli, investimenti per opere di urbanizzazione (3.570.000 euro), nuove infrastrutture al servizio delle imprese (8.850.000 euro), gestione del patrimonio immobiliare di proprietà con realizzazione di nuovi fabbricati industriali, ampliamento e manutenzione straordinaria (5.438.000 euro), nuovi investimenti nei settori ambiente ed energia (4.030.000 euro) e nuovi servizi alle imprese (300.000 euro).

Farinelli rileva che dei 22 milioni quasi il 70% deriva da fondi propri del Cip. Parte degli investimenti saranno finalizzati a rifacimento strade, percorsi ciclabili e pedonali, spazi di sosta e parcheggio, aree verdi o di mitigazione ambientale e valorizzazione paesaggistica. Nel 2019 il progetto definitivo della “Porta della Carnia”, per la mobilità pedonale e ciclabile, alla rotatoria di accesso alla zona industriale di Amaro.

Il Cip acquisirà e renderà funzionale, nel 2019, un fabbricato industriale a Tolmezzo, e completerà l’immobile A4 di Amaro, viste le nuove richieste di insediamento formalizzate da aziende per ampliarsi o avviare altre iniziative. Nuovi capannoni sorgeranno nelle aree industriali di Amaro e Villa Santina.

Nel 2019 il Cip avvierà un progetto per nuovi percorsi di alternanza scuola-lavoro con l’Isis Solari e iniziative anche a sostegno dell’imprenditoria giovanile.

«Un piano industriale impegnativo ma molto solido nei suoi fondamentali economico finanziari – dichiara Gollino – che consente di consolidare il percorso di crescita del Consorzio al servizio delle imprese. Nei recenti Stati generali della montagna, la giunta del presidente Fedriga ha dimostrato attenzione verso le politiche di sviluppo del territorio, fra le quali la crescita del settore manifatturiero costituisce una delle priorità principali del Manifesto conclusivo».

«Siamo lieti – la sua conclusione – di poter costituire un esempio di buona gestione e di riconfermare il nostro ruolo di ente strumentale per la realizzazione di tali indirizzi politici». —



Patate novelle croccanti con asparagi saltati, uova barzotte e dressing allo yogurt e senape

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi