Contenuto riservato agli abbonati

I prefabbricati post-terremoto saranno abbattuti da febbraio

Erano stati realizzati più di 40 anni fa. Avevano ospitato anche il poeta Cappello. Il sindaco: «Si inizierà con la rimozione della copertura in amianto» 

TRICESIMO. L’Amministrazione comunale è pronta a dire addio agli ultimi prefabbricati utilizzati subito dopo il terremoto per arginare l’emergenza che oltre 40 anni fa aveva colpito anche il paese a nord di Udine.

Otto strutture, collocate tra la Potebbana, via San Giuseppe, via Redipuglia e via Felettano, con copertura in amianto, nocivo alla salute e cancerogeno, che saranno abbattute a partire dal mese di febbraio.


«Un passaggio necessario – annuncia il sindaco di Tricesimo Giorgio Baiutti – è che inizierà con la rimozione delle lastre di amianto per cui l’Amministrazione comunale dovrà sostenere una spesa di 25 mila euro.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi Messaggero Veneto la comunità dei lettori

Video del giorno

Milano, vigile in borghese spara un colpo in aria: disarmato da un gruppo di ragazzi

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi