In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
      1. Aiello del Friuli
      2. Amaro
      3. Ampezzo
      4. Andreis
      5. Aquileia
      6. Arba
      7. Arta Terme
      8. Artegna
      9. Arzene
      10. Attimis
      11. Aviano
      12. Azzano Decimo
      1. Bagnaria d'Arsa
      2. Barcis
      3. Basiliano
      4. Bertiolo
      5. Bicinicco
      6. Bordano
      7. Brugnera
      8. Budoia
      9. Buia
      10. Buttrio
      1. Camino al Tagliamento
      2. Campoformido
      3. Campolongo al Torre
      4. Caneva
      5. Carlino
      6. Casarsa della Delizia
      7. Cassacco
      8. Castelnovo del Friuli
      9. Castions di Strada
      10. Cavasso Nuovo
      11. Cavazzo Carnico
      12. Cercivento
      13. Cervignano del Friuli
      14. Chions
      15. Chiopris-Viscone
      16. Chiusaforte
      17. Cimolais
      18. Cividale del Friuli
      19. Claut
      20. Clauzetto
      21. Codroipo
      22. Colloredo di Monte Albano
      23. Comeglians
      24. Cordenons
      25. Cordovado
      26. Corno di Rosazzo
      27. Coseano
      1. Dignano
      2. Dogna
      3. Drenchia
      4. Enemonzo
      5. Erto e Casso
      1. Faedis
      2. Fagagna
      3. Fanna
      4. Fiume Veneto
      5. Fiumicello
      6. Flaibano
      7. Fontanafredda
      8. Forgaria nel Friuli
      9. Forni Avoltri
      10. Forni di Sopra
      11. Forni di Sotto
      12. Frisanco
      1. Gemona del Friuli
      2. Gonars
      3. Grimacco
      1. Latisana
      2. Lauco
      3. Lestizza
      4. Lignano Sabbiadoro
      5. Ligosullo
      6. Lusevera
      1. Magnano in Riviera
      2. Majano
      3. Malborghetto Valbruna
      4. Maniago
      5. Manzano
      6. Marano Lagunare
      7. Martignacco
      8. Meduno
      9. Mereto di Tomba
      10. Moggio Udinese
      11. Moimacco
      12. Montenars
      13. Montereale Valcellina
      14. Morsano al Tagliamento
      15. Mortegliano
      16. Moruzzo
      17. Muzzana del Turgnano
      1. Nimis
      1. Osoppo
      2. Ovaro
      1. Pagnacco
      2. Palazzolo dello Stella
      3. Palmanova
      4. Paluzza
      5. Pasian di Prato
      6. Pasiano di Pordenone
      7. Paularo
      8. Pavia di Udine
      9. Pinzano al Tagliamento
      10. Pocenia
      11. Polcenigo
      12. Pontebba
      13. Porcia
      14. Pordenone
      15. Porpetto
      16. Povoletto
      17. Pozzuolo del Friuli
      18. Pradamano
      19. Prata di Pordenone
      20. Prato Carnico
      21. Pravisdomini
      22. Precenicco
      23. Premariacco
      24. Preone
      25. Prepotto
      26. Pulfero
      1. Ragogna
      2. Ravascletto
      3. Raveo
      4. Reana del Rojale
      5. Remanzacco
      6. Resia
      7. Resiutta
      8. Rigolato
      9. Rive d'Arcano
      10. Rivignano
      11. Ronchis
      12. Roveredo in Piano
      13. Ruda
      1. Sacile
      2. San Daniele del Friuli
      3. San Giorgio della Richinvelda
      4. San Giorgio di Nogaro
      5. San Giovanni al Natisone
      6. San Leonardo
      7. San Martino al Tagliamento
      8. San Pietro al Natisone
      9. San Quirino
      10. San Vito al Tagliamento
      11. San Vito al Torre
      12. San Vito di Fagagna
      13. Santa Maria La Longa
      14. Sauris
      15. Savogna
      16. Sedegliano
      17. Sequals
      18. Sesto al Reghena
      19. Socchieve
      20. Spilimbergo
      21. Stregna
      22. Sutrio
      1. Taipana
      2. Talmassons
      3. Tapogliano
      4. Tarcento
      5. Tarvisio
      6. Tavagnacco
      7. Teor
      8. Terzo d'Aquileia
      9. Tolmezzo
      10. Torreano
      11. Torviscosa
      12. Tramonti di Sopra
      13. Tramonti di Sotto
      14. Trasaghis
      15. Travesio
      16. Treppo Carnico
      17. Treppo Grande
      18. Tricesimo
      19. Trivignano Udinese
      1. Udine
      1. Vajont
      2. Valvasone
      3. Varmo
      4. Venzone
      5. Verzegnis
      6. Villa Santina
      7. Villa Vicentina
      8. Visco
      9. Vito d'Asio
      10. Vivaro
      1. Zoppola
      2. Zuglio

Scalpello e mani d’oro: ecco chi è il mago della pietra piasentina

Gianni Munini ha 68 anni e vive ad Artegna. È in pensione, ma lavora sempre. Suo il primo intervento di ricostruzione del castello di Gemona

Monika Pascolo
3 minuti di lettura

ARTEGNA. Chi lo conosce bene dice che non può vivere senza un blocco di pietra davanti e tra le mani uno scalpello e una mazzuola. E lui conferma.

Da quando Gianni Munini, 68enne di Artegna, è in pensione, si fatica a trovarlo lontano da quell’angolo dietro casa dove si è ricavato il suo personale laboratorio. Poche cose. Essenziali. Un tavolo, una riga di scalpelli di varie dimensioni e la sua inseparabile smerigliatrice.

In quel regno – spesso nelle giornate di sole spostandosi all’aperto dove lo sguardo arriva fino alla cima del monte Cuarnan –, Gianni crea da mattina a sera.

Sotto le sue sicure mani quei blocchi squadrati di pietra – rigorosamente piasentina di Torreano – diventano qualsiasi cosa detti la fantasia. Da fontane a sculture di ogni tipo, da crocifissi alle riproduzione di alcune opere di Modigliani, da mortai con pestelli a portafoto di ogni dimensione.

E poi orologi, vasi dalle forme più fantasiose, la serie di segni zodiacali, animali, soprammobili di ogni foggia, statue, portabottiglie, portaombrelli.

Lo scantinato della sua abitazione non riesce più contenere le centinaia di creazioni. Il giardino – neanche a dirlo, il muro di cinta in sasso porta la sua inconfondibile firma – sembra un’esposizione a cielo aperto.

Una passione, quella per la pietra, esplosa in maniera incontenibile quasi per caso. Quando il dirimpettaio di casa – il pittore e incisore di fama internazionale Mario Micossi – gli ha commissionato la realizzazione di un muro, in fondo alla proprietà.

Gianni al tempo faceva infatti il muratore e piastrellista. Aveva cominciato a lavorare già a 14 anni, «sotto padrone a imparare il mestiere di marmista, perché di studiare proprio non ne volevo sapere».

A diciassette anni, da solo, è emigrato in Francia «a lavorare come muratore perché là si guadagnava meglio». Per il fatto di essere stato il più giovane arteniese ad andare a cercare fortuna altrove, è stato pure menzionato in una pubblicazione edita dal Comune.

Rientrato in Friuli a vent’anni per la visita di leva, dopo il periodo militare ha deciso di stabilirsi definitivamente nella sua terra. Da allora, la piccola ditta artigianale fondata col cognato e col fratello Attilio (con il quale ha ricostruito l’abitazione distrutta dal terremoto del 1976), si è occupata di lavori edili e pavimentazioni un po’ in tutta la regione.

Dall’ospedale di Gemona a Trieste, dove per parecchi anni si è dedicata alle rifiniture di una miriade di palazzine. Poi “l’incontro” casuale di Gianni con la pietra grazie all’artista vicino di casa.

Era la fine degli anni Ottanta. «Da allora non ho più smesso». Specializzandosi anche nella realizzazione dei tradizionali muri a secco. Porta la firma dei fratelli Munini il primo intervento di ricostruzione del Castello di Gemona, in particolare della «torate» (la torre di ponente) e delle prigioni.

Anche l’esterno della galleria della cittadina pedemontana è stata rivestita in pietra da Gianni e Attilio. Che tanto hanno lavorato soprattutto per aziende vitivinicole del Collio a tirar su mura di cinta e pilastri.

Oltre trent’anni a maneggiare il pesante materiale. Gianni, di tanto in tanto, ha trovato anche il tempo di dilettarsi nella realizzazione di qualche scultura da regalare agli amici.

Poi la pensione. «Coincisa con l’impossibilità di fermarsi», commenta sorridendo la moglie Eleonora che ha appena commissionato allo scultore di casa un gufo tutto per sé. «Ho iniziato per hobby ed è subito diventata una necessità – conferma Gianni –. Non posso stare fermo. Persino di notte, se capita di non riuscire a dormire, penso a quello che potrei creare il giorno dopo».

Per Natale dalla pietra ha ricavato una decina di simpatici gufi portafortuna per tutta la famiglia: figlie, consuoceri, cugini.

Chi sa della sua passione gli chiede pezzi personalizzati. È riuscito a riprodurre un’auto sportiva come sfondo di un orologio per un regalo della fidanzata al proprio ragazzo, patito di motori. Anche le sue due figlie, Alessia e Ania, ricorrono a lui quando c’è il compleanno di qualche amica. «Al mattino mi chiedono cosa vorrebbero. Alla sera è pronto!».

Nel tempo si è perfezionato pure nei ritratti. Una sfida. «Questo materiale non ammette sbagli. Non è come la creta che in caso di errore ti permette di rimediare».

Gianni non vuol essere chiamato artista. «Non lo sono. Lavoro la pietra perché mi dà soddisfazione e perché mi viene del tutto naturale». Persino la smerigliatrice – che utilizza per incidere disegni e lucidare i pezzi –, la maneggia senza problemi.

«È come se avessi in mano una penna». A volte, spiega, la difficoltà è quella di rispettare le proporzioni degli oggetti o dei corpi che riproduce. «Non ho studi alle spalle – si rammarica –, ma mi aiuta molto l’osservazione attenta di quello che voglio ricavare dal blocco di pietra».

Dal momento in cui si è cimentato in questo hobby è stato chiamato più volte ad esporre le proprie sculture (che firma con le iniziali in qualche angolino nascosto) alla manifestazione «Gemona, formaggio… e dintorni», alla Mostra mercato di San Valentino ad Artegna e alla Festa dell’Agricoltura di Resiutta.

Tra centinaia di pezzi, nel suo garage spiccano anche dei telefoni. Il modello popolare in voga negli anni Settanta. La riproduzione è talmente ben fatta che solo alzando la pesante cornetta ci si rende conto che non è plastica. Una delle ultime richieste è stata un pesta sale che un migrante ha voluto portare con sé in Svizzera. «L’ho fatto di ridotte dimensioni, visto che viaggiava in aereo», sorride.

A un albergatore di Sestriere piace talmente la manualità di Gianni che una volta in Friuli non può fare a meno di passare per Artegna; tra gli ultimi pezzi che ha voluto ci sono delle rappresentazioni del Castello di Gemona e il tipico cappello di alpino, con tanto di piuma, che il “mago” della piasentina produce in gran quantità.

Uno lo ha donato anche agli amici del Gruppo delle penne nere del suo paese. Nell’occasione era presente pure il compaesano scultore Giovanni Patat, in arte Giovanni d’Artegna.

«Rimirandolo ha osservato che l’aquila, incisa come sfondo sul quadro, sembrava arrabbiata. Però mi ha anche consigliato di insistere sulla strada intrapresa, assicurandomi che col più fare prima o poi si arriva alla perfezione. E detto da lui, che con la pietra è un fenomeno e un vero maestro, è qualcosa che mi ha reso parecchio orgoglioso». —


 

I commenti dei lettori