In centinaia per l'ultimo saluto a Zamberletti, presenti Mattarella e Conte. Fedriga: "Salutiamo un amico del Friuli"

A presiedere il funerale di Stato, l'arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini: "Un uomo che si è curato delle ferite dell'umanità"

Protezione civile: Mattarella, Conte e centinaia di volontari per l'ultimo saluto a Zamberletti

VARESE. «Noi siamo qui a tributare il nostro omaggio, a esprimere la nostra gratitudine, a condividere una preghiera per un uomo che si è curato delle ferite dell'umanità». È questo un passaggio dell'omelia che l'arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini, ha pronunciato stamani, martedì 29 gennaio, nella basilica di San Vittore di Varese per i funerali di Giuseppe Zamberletti, padre della ricostruzione del Friuli e della Protezione civile. 



Centinaia di persone hanno preso parte a Varese ai funerali. Uomini e donne della Protezione civile, della Croce Rossa e del Soccorso alpino, gonfaloni dei Comuni della Provincia di Varese e di Bergamo, del Friuli e dell'Irpinia e semplici cittadini si sono riuniti nella piazza della Basilica di San Vittore per l'ultimo saluto a Zamberletti. Ad accogliere il feretro anche il picchetto delle forze dell'ordine, con bersaglieri, polizia, carabinieri e Guardia di finanza.

LEGGI ANCHE:Addio a Zamberletti, protagonista della politica del fare - Il commento di Paolo Mosanghini

DAL NOSTRO ARCHIVIO/"La ricostruzione si sintetizza in due parole: competenza e rigorosità", la commovente lettera di Zamberletti al "suo" Friuli

Nella Basilica, colma di persone, sono presenti il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, il ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti, e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Giancarlo Giorgetti. A presiedere le esequie è l'arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini.

Zamberletti: commozione nel vedere questi luoghi ricostruiti



Delpini: "Da lui un modello organizzativo di alta qualità e ideali affascinanti"

«L'on Zamberletti resta identificato con la Protezione civile, un modello organizzativo di alta qualità e di ideali affascinanti». Si è espresso così l'arcivescovo di Milano, monsignor Mario Delpini. «Ma in questo ultimo saluto - ha proseguito Delpini - lo sentiamo non solo un benemerito del passato, ma un discepolo che ha seguito Gesù e ha imparato e ha insegnato che sulle ferite umane si devono chinare gli uomini e che in questo prendersi cura degli altri, dei fratelli feriti e tribolati, diventiamo uomini migliori e il meglio di noi stessi diventa motivo di speranza per l'umanità, come se, in qualche modo, anche dalle ferite della storia escano sangue e acqua, una vita nuova».

Fedriga: "Zamberletti è stato un uomo della nostra gente. Grazie a lui il Friuli si è rialzato"

Anche il presidente del Friuli Venezia Giulia ha reso omaggio a Giuseppe Zamberletti, figura fondamentale per il Friuli distrutto dal terremoto del '76. "Zamberletti è stato un modello per tutta l'Italia. Ci ha insegnato l'importanza del rimboccarci le maniche e rimetterci in piedi. Ha permesso ai friulani di riprendersi dopo un dramma che è stato feroce e violento per il nostro territorio". 

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha incontrato il governatore Massimiliano Fedriga e il vicegovernatore Riccardo Riccardi


"Abbiamo dichiarato lutto regionale, segno di rispetto per una figura così importante per la ricostruzione post terremoto del Friuli. Zamberletti - ha continuato Fedriga - Non era solo un bravo politico e un bravo capo della Protezione civile. Era un uomo straordinario, un membro della nostra gente".

Riccardo Riccardi: "Ha creato la famiglia della Protezione civile"

«Quella di oggi, che ha visto a Varese presenti tanti volontari della Protezione Civile regionale, è stata una partecipazione spontanea, per dare l'ultimo saluto al padre di questa organizzazione. Una famiglia che esiste anche e soprattutto grazie all'intuito e all'opera di Giuseppe Zamberletti».

Lo ha detto a Varese, a margine dei funerali di Stato di Giuseppe Zamberletti, il vicegovernatore del Fvg, con delega alla Protezione civile, Riccardo Riccardi.

Zamberletti: "La ricostruzione del Friuli è un modello anche oggi"

«Un uomo - ha sottolineato il vicegovernatore - che ha saputo tenere insieme lo Stato e il sistema periferico. Oltre a ciò, aveva la straordinaria capacità di riuscire a mettere concordia e superare le divisioni, qualità essenziali in quei frangenti del post terremoto per coordinare il sostegno alla popolazione e realizzare la ricostruzione».

Secondo il vicegovernatore - riporta una nota della Regione - le capacità politiche, amministrative e umane di Zamberletti - che ricoprì l'incarico di commissario straordinario per il coordinamento dei soccorsi nel sisma che colpì il Friuli nel 1976 - si rivelarono «l'elemento decisivo nel creare le migliori condizioni per vincere una sfida complicata e difficile come quella»


PER APPROFONDIRE: IL NOSTRO SPECIALE SUL TERREMOTO DEL 1976

Attilio Fontana (presidente regione Lombardia): "Un uomo sempre positivo e ottimista"

«Un uomo che riusciva sempre a essere positivo e ottimista». Così il presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, ha ricordato l'ex ministro Giuseppe Zamberletti. « Zamberletti - ha aggiunto il presidente - ha rappresentato al meglio lo spirito lombardo, sempre pronto a rimboccarsi le maniche senza mai piangersi addosso. Sapeva affrontare con concretezza e grande logica tutti i problemi che gli venivano sottoposti». «Resterà per sempre e per tutti - ha concluso Fontana - un modello istituzionale da seguire, lo porterò sempre nel cuore e non dimenticherò mai quanto di buono ha fatto per Varese, per la Lombardia e per l'Italia intera»

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Taranto, spara contro l'auto della polizia e ferisce due agenti: la raffica di colpi ripresa dalla telecamera

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi